Passa ai contenuti principali

Mamma Roma

E siamo arrivati alla recensione del bellissimo e molto toccante Mamma Roma, che insieme a Teorema è il mio film preferito di Pier Paolo Pasolini, ormai diventato grazie a questa rassegna cinematografica, uno dei registi fondamentali nel mio percorso di cinefila, ed è grazie a questo film che è entrato nella rosa dei miei registi preferiti, quando lo vidi per la prima volta anni fa.

Pasolini era un regista scomodo, perché non edulcorava la realtà della vita, la narrava, prendendo il neorealismo, quando ormai questo genere cinematografico era morto e sepolto.
Non è facile seguire Pasolini me ne rendo conto, perché non da facili certezze, e non fa un cinema di intrattenimento per tutti.
O lo si ama o lo si odia non ci sono mezze misure, se lo si ama come lo amo io, allora cerchi in tutti i modi di assorbire il suo punto di vista, di capirlo, di ricercare attraverso la narrazione del suo cinema ciò che lui voleva dire.
Se con Accattone, ha esordito mettendo subito in chiaro ciò di cui voleva parlare, con un autentico pugno nello stomaco, con Mamma Roma si spinge ancora più in la.
Sceglie come protagonista una grandissima Anna Magnani, che, nel ruolo di una prostituta che si è ravveduta e ora cerca di dare un esempio a suo figlio lasciando la strada per un lavoro onesto, gestisce una bancarella a Roma, ma il passato torna sempre a bussare alla sua porta.
Il suo vecchio protettore, che all'inizio del film lo vediamo sposato, vuole che torni a battere, ma lei ci prova per due volte, poi capisce che non è più la strada per lei.
Vuole dare un esempio concreto a suo figlio per una vita migliore, ma quella vita borghese che tanto sogna per Ettore, resterà soltanto un miraggio, qualcosa che può guardare da lontano  e non potrà mai raggiungere perché? Perché la vita è bastarda.
Ettore trova lavoro, ma è ancora un ragazzino e le regole, gli orari da seguire non fanno per lui, così torna a girovagare con i suoi amici conoscendo una ragazza che gli gira intorno.
Sarà proprio lei e altri amici suoi a raccontare il passato di sua madre insieme al suo protettore, e per Mamma Roma sarà la fine di un sogno.
Un film durissimo e coinvolgente, come era capace di fare Pier Paolo Pasolini, se lo volete guardare preparatevi psicologicamente perché vi farà piangere, e non saranno lacrime facili che poi quando finisce il film te le dimentichi, no, saranno lacrime che non dimenticherai facilmente, il finale terribile e molto doloroso, sottolinea che chi nasce proletario, non può certo diventare borghese, e aveva ragione.
Mamma Roma è uno di quei capolavori che non potranno mai mancare in una collezione cinefila che si rispetti, guardatevelo, sicuramente cambierà la prospettiva del vostro pensiero.



Commenti

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Ro.Go.Pa.G

Un film collettivo, che racchiude 4 episodi, non sono male, ma io personalmente, ho preferito gli ultimi due, sono ben girati e in particolare quello di Pier Paolo Pasolini è il migliore di questo film, in cui 4 dei maggiori cineasti degli anni sessanta, si riuniscono, non c'è nessun legame tra un film e l'altro, che in realtà sono 4 cortometraggi uniti.
L'illibatezza di Roberto Rossellini, Il Nuovo Mondo di Godard, La Ricotta di Pasolini, e infine Il Pollo Ruspante di Gregoretti.
I quattro cortometraggi compongono questo film collettivo e uniscono 4 dei più importanti cineasti del tempo, il mio preferito resta La Ricotta, sorta di commedia che ricorda molto le comiche ai tempi del muto con udite udite anche il grande Orson Welles nel ruolo del regista.
Film che è stato sequestrato dalla magistratura e processato per "Vilipendio alla Religione", ma noi italiani siamo sempre stati così bacchettoni? No perché una cosa del genere sarebbe da spanciarsi dalle risate e…

Aquaman

Dimensione extralarge per Aquaman, credevate che non lo recensivo? Vi sbagliate, ecco a voi la rece del film con quel gran bel fusto di Jason Momoa.