Passa ai contenuti principali

Cinefilia - come nasce una passione parte terza

Speciale su Michael Douglas e Kathleen Turner, la mia coppia cinematografica preferita.

Tre film, sono bastati tre film a farmeli entrare nel cuore...di Michael Douglas ero fan sin dai tempi de Le Strade di San Francisco telefilm poliziesco che mia madre guardava, di Kathleen Turner sono stata fan sin da ragazzina, ora non ricordo come l'ho conosciuta, ma mi è sempre piaciuta, insieme hanno girato tre film e spaccavano di brutto.
Mi piacerebbe un film con di nuovo loro due, magari diretto ancora da Denny De Vito terzo asso nella manica dei due grandi simpaticoni che praticamente adoro.
All'inseguimento della pietra verde, il gioiello del Nilo e La Guerra dei Roses spassosissima commedia nera in cui Michael Douglas e Kathleen Turner se le danno di santa ragione, ma non le botte, si fanno una guerra per poter restare dentro la lussuosa magione e nessuno dei due vuole andare via.
Con Kathleen Turner ho dei ricordi bellissimi, che mi riportano a quando ero una ragazzina, quella piccola cinefila in erba che giorno dopo giorno è diventata adulta, e anche se non aveva le possibilità di coltivare la sua passione, faceva di tutto per guardare tutti i film che le piacevano, non potevano mancare loro due, che considero una delle più grandi coppie cinematografiche di sempre (lo sono per me ovviamente).
Li avrei visti anche come coppia nella vita, avevano senza dubbio un feeling particolare, che si notava nelle scene dei loro film, e sicuramente erano anche amici...ma come sarebbe stato averli anche come coppia nella vita? GRANDIOSO ve lo dico io…
Però sarebbero funzionati lo stesso sul grande schermo? Chissà, fatto sta che non perderei mai di vista il rivedere sempre con piacere uno dei loro film insieme, chissà magari uno di questi giorni li compro in blu ray se li becco su amazon.
Peccato per la malattia di entrambi che li ha in qualche modo fermati, restano tutt'ora due dei miei attori preferiti e la mia coppia cinematografica preferita di sempre.

Commenti

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Aquaman

Dimensione extralarge per Aquaman, credevate che non lo recensivo? Vi sbagliate, ecco a voi la rece del film con quel gran bel fusto di Jason Momoa.

Ro.Go.Pa.G

Un film collettivo, che racchiude 4 episodi, non sono male, ma io personalmente, ho preferito gli ultimi due, sono ben girati e in particolare quello di Pier Paolo Pasolini è il migliore di questo film, in cui 4 dei maggiori cineasti degli anni sessanta, si riuniscono, non c'è nessun legame tra un film e l'altro, che in realtà sono 4 cortometraggi uniti.
L'illibatezza di Roberto Rossellini, Il Nuovo Mondo di Godard, La Ricotta di Pasolini, e infine Il Pollo Ruspante di Gregoretti.
I quattro cortometraggi compongono questo film collettivo e uniscono 4 dei più importanti cineasti del tempo, il mio preferito resta La Ricotta, sorta di commedia che ricorda molto le comiche ai tempi del muto con udite udite anche il grande Orson Welles nel ruolo del regista.
Film che è stato sequestrato dalla magistratura e processato per "Vilipendio alla Religione", ma noi italiani siamo sempre stati così bacchettoni? No perché una cosa del genere sarebbe da spanciarsi dalle risate e…