Passa ai contenuti principali

Ballroom - Gara di Ballo

Eccolo qui, il primo capitolo della red courtain trilogy, poteva mancare alla fabbrica? Assolutamente no.

Ambientato nel mondo del ballo di sala, è la storia di Scott, la cui madre è ossessionata a fargli vincere il Pan Pacific Gran Prix, ma che grazie alla conoscenza di una ballerina di fila, imparerà cose molto più importanti della vittoria di un premio.
Scott nella sua esibizione cambia i passi di danza, dimostrando di piacere al pubblico, ma la competizione non accetta nuovi passi e lo squalifica dalla gara, la sua partner di ballo lo abbandona e va a ballare con un ubriacone, mentre conosce una ballerina principiante, il cui padre ne sa una più del diavolo.
Vivere con paura è come vivere a metà è questa la frase che viene ripetuta nelle scene più enfatiche del film, gliela dice Fran a Scott nei momenti difficili, sarà proprio lei la partner giusta e nel finale faranno faville.
Meno esagerato e spettacolare di altri suoi capolavori, ed è comprensibile perché si tratta pur sempre di un opera prima, il bello di questo film sta proprio nel ballo, i cui protagonisti sono fantastici, Tara Maurice, e Paul Mercurio.
Si capisce benissimo che la lotta per vincere questo pan pacific sarà ardua per il motivo per cui la gara è truccata e si sa già chi lo vincerà.
Ben presto però Scott capirà che il premio non ha nessun valore, se non sei capace di seguire i tuoi sogni, nonostante tutto, persino il padre lo spalleggia, mentre la madre ha soltanto le fette di prosciutto negli occhi, vuole solo il premio.
L'amore per la danza, il saper stupire il pubblico va aldilà di uno stupido premio, perché il talento c'è, ed è inutile tenerlo nascosto nelle rigorose regole di un premio fasullo.
Tantovale seguire le proprie ispirazioni piuttosto che prendere quel premio.
E il padre di Fran gli insegnerà tante di quelle cose che lui non conosceva, da stupirlo.
Un film che è diventato un piccolo cult per i fan di Baz Luhrmann se non l'avete visto recuperatelo, vi sorprenderà.


Commenti

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Ro.Go.Pa.G

Un film collettivo, che racchiude 4 episodi, non sono male, ma io personalmente, ho preferito gli ultimi due, sono ben girati e in particolare quello di Pier Paolo Pasolini è il migliore di questo film, in cui 4 dei maggiori cineasti degli anni sessanta, si riuniscono, non c'è nessun legame tra un film e l'altro, che in realtà sono 4 cortometraggi uniti.
L'illibatezza di Roberto Rossellini, Il Nuovo Mondo di Godard, La Ricotta di Pasolini, e infine Il Pollo Ruspante di Gregoretti.
I quattro cortometraggi compongono questo film collettivo e uniscono 4 dei più importanti cineasti del tempo, il mio preferito resta La Ricotta, sorta di commedia che ricorda molto le comiche ai tempi del muto con udite udite anche il grande Orson Welles nel ruolo del regista.
Film che è stato sequestrato dalla magistratura e processato per "Vilipendio alla Religione", ma noi italiani siamo sempre stati così bacchettoni? No perché una cosa del genere sarebbe da spanciarsi dalle risate e…

Aquaman

Dimensione extralarge per Aquaman, credevate che non lo recensivo? Vi sbagliate, ecco a voi la rece del film con quel gran bel fusto di Jason Momoa.