Passa ai contenuti principali

The Vampire Diaries Stagione 3

Terza stagione del cult televisivo di questo anno meraviglioso, che continuerà a breve tempo con la quarta stagione, e nell'attesa recensisco questa terza stagione.
Dunque cominciamo con il dire che stilisticamente è un pochetto inferiore alla seconda, ma il coinvolgimento è sempre presente e bilancia certe cadute di stile della serie che rimane sempre di alto livello.
Nulla da dire sulla trama e sui personaggi, sempre rappresentati al loro meglio e il coinvolgimento del pubblico nelle loro storie è sempre molto alto.
Stiamo parlando del telefilm che dalle mie parti ha avuto un successone enorme dall'inizio della stagione, tanto da essere inserito nelle serie ammiraglie di questo anno.
Nella terza stagione accade di tutto, l'inizio è sconvolgente, vede Stephan Salvatore in balia di Klaus e cambia annullando la sua natura umana, fatta nascere dalla sua amica lexie, i tentativi di riportarlo all'ovile di Elena e di suo fratello Damon, non tardano ad arrivare, ma sembrano tutti inutili, tranne quando effettivamente si sveglia la vendetta nei confronti di Klaus sarà terribile e spietata anche se deve fare in modo che Elena resti viva e vegeta.
Ma Klaus ha dalla sua un asso nella manica, pur avendo scoperto che Elena è rimasta viva dopo il rito capisce che la può usare per creare gli ibridi, e allora la userà, non certo senza conseguenze.
Le cose peggiorano quando la madre di Klaus viene portata in vita dalla strega amica di Elena che con sua madre è l'unica che può fermare l'avanzata crudele del vampiro originale, il suo piano però si presenta ben più crudele del figlio, anche se è fatto per fermare l'ondata di sangue che è iniziata quando tutti loro sono diventati vampiri.
Il finale di stagione ve lo lascio immaginare, e non vi dico nulla in proposito, vi dico soltanto che il triangolo con i fratelli salvatore volgerà in una catarsi inevitabile, chi sceglierà la bella Elena tra i fratelli di cui si è innamorata?
In questa terza stagione c'è una new entry, la sorella di Klaus, che aveva una cotta per Stephan negli anni venti, quando con suo fratello facevano stragi di persone per nutrirsi.
Una terza stagione che segue la seconda senza nessun ribaltamento e senza innovazioni, coinvolge e diverte, ma nettamente è inferiore alla seconda, come del resto è giusto fare per i seguiti, calare un po' la tensione avvolte è giusto per far si che il seguito risulti più moderato senza nulla togliere alla qualità del telefilm.
Voto: 7


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.