Passa ai contenuti principali

Gummo

Un film disturbante, un opera di non facile digestione l'esordio alla regia di Harmony Korine, che racconta di una gioventù abbandonata a se stessa in una località dove c'è appena stato l'uragano Gummo.
Desolazione, povertà, disperazione, sono questi gli aggettivi che mi vengono in mente quando penso a questo film, e Korine non ha mezze misure per descriverlo, e non si fa neanche limiti.
Ma tutto questo non è una critica, anzi semmai è un complimento, per avuto il coraggio di parlare di un gruppo di ragazzini abbandonati, senza meta, o futuro che vivono alla giornata, facendo quello che vogliono senza capire se sia giusto o sbagliato, e davanti al film ci sono gli spettatori che rimangono sbigottiti di tale sincerità nel descrivere uno scenario apocalittico che rasenta l'orrore del degrado umano.

La fine del mondo secondo Harmony Korine con il crollo dei valori umani e il degrado sono i temi centrali del film, non c'è scampo, non c'è uscita, non c'è un happy end, bisogna avere molto coraggio di raccontare una storia simile a un pugno allo stomaco, di cui non è facile dimenticare ma che può provocare disgusto.
Ed è proprio qua che vuole parare Harmony Korine, non vuole una storia di redenzione, vuole una storia nuda e cruda, che sputa ai buoni sentimenti e ti sbatte la verità in faccia, perchè la vita infondo è proprio così, può far star male, ma dubito che lo dimenticherete.
Un piccolo capolavoro del cinema indipendente USA, lontanissimo da hollywood, sembra un film di Pasolini per la struttura in cui è costruito, per questo colpisce fino in fondo, ma è un capolavoro, c'è poco da fare, consigliatissimo se amate il cinema indipendente e impegnativo e che non avete pregiudizi su niente.
Voto: 8


Commenti

  1. dici bene, un capolavoro indie!

    RispondiElimina
  2. non lo so, dopo quello scempio di Spring Breakers sono un poco restio a vedere altri film di questo qui, anche se ammetto che il trailer e qualche spezzone che ho visionato da youtube mi hanno incuriosito

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me spring breakers è piaciuto, e anche molto, però certo questo film è molto meglio sinceramente parlando :)

      Elimina
  3. Per me Gummo è un film straordinario, non solo fuori dall'ordinario come lo si suole presentare... il tuo trittico ("Desolazione", "povertà", "disperazione") ben si addice al film. Ma la sua grandezza è che a tutto questo ci si può aggiungere anche tanta dolcezza, tanto romanticismo. E' un film spietato, crudo, sporco, ma che sa essere anche molto dolce... con quella sua atmosfera estremamente malinconica che si respira sin dall'inizio
    Meraviglioso il personaggio del ragazzo con le orecchie da coniglio e bellissima la scena del bagno in piscina, sotto le note di "Crying" di Roy Orbison!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.