Passa ai contenuti principali

Un ottima annata

Ok ci siamo, oggi recensico un film che ho rivalutato l'ultima volta che l'ho visto. La prima volta non mi piacque molto e l'ho accattonato, ma una volta rivisto ne sono rimasta conquistata.
Questa volta Ridley Scott sceglie di fare un opera semplice, e si concentra sulle cose che più possano interessare il pubblico, forse è un opera difficile ma non è da buttare via.
D'altro canto Ridley Scott stesso ci ha abituati al suo cinema che non è affatto scontato, così come lo è questa opera.
Per il protagonista sceglie un altra volta Russell Crowe divenuto una specie di attore feticcio per il regista, e al suo fianco troviamo la bravissima Marion Cotillard in una storia d'amore nostalgica ma che lascia il segno.
Perchè la prima volta non mi è piaciuto? Semplice non l'ho assaporato fino in fondo come ho fatto in questa seconda visione, il che spiega tante cose, prima di tutte non mi sono lasciata andare, grosso grossissimo errore.

In realtà si tratta di un opera che seppur non è tanto originale - esistono parecchi film sullo stesso tema - è fresca e spensierata, e parla di una cosa che per altro potrà essere comune ma che piace a tutti, ovvero l'amore, la nostalgia, e le cose che abbiamo perduto e che ritroviamo dopo tanto tempo, come può un film del genere non piacere?
Alla mia seconda visione ne sono rimasta piacevolmente conquistata, perchè oltre ad essere lineare, è anche coinvolgente, cosa c'è di meglio per fare un semplice film?
Bravo Ridley Scott che si è aggiudicato un posto speciale con questo film carinissimo e ben fatto, bravo proprio bravo, se lo merita un bel voto.
Anche se come dico sempre io sono meglio i film che vengono scoperti dopo tanto tempo che quelli che a primo colpo ti piacciono, per il semplice motivo che ti rimangono impressi a fondo e tanto a lungo.
Come questo piccolo  e delizioso film.
Un consiglio prima della visione, se lo volete vedere lasciatevi incantare dalla sua magia e dalla sua poesia, sono sicura che le cose che prendete per scontate o stupide, passeranno in secondo piano, io ho fatto così alla seconda visione e ne sono rimasta conquistata.
Voto: 7 e 1/2


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.