Passa ai contenuti principali

Capitain Philips attacco in mare aperto

Un film al cardiopalma, dove niente e nessuno sono come sembrano, tranne il capitano, che si dimostra molto coraggioso ad affrontare i suoi rapitori, rischiando persino la vita, quando un gruppo di banditi o meglio dire pirati, entra nella sua nave, e mette in ostaggio l'intero equipaggio, salvo poi prendere solo il capitano, per un motivo non specificato, forse per compiacere un capo invisibile che detta ordini, ma sotto sotto si sa che è la solita guerra tra poveri, rappresentata dai banditi, e ricchi, rappresentata dal capitano e la sua flotta.

Paul Greengrass torna al cinema con un opera all'apparenza noiosa, ma una volta iniziato il film ti accorgi che è esattamente l'opposto. Furbescamente non perde mai il filo del discorso e non lascia indizi o rivela flashback che possano distrarre lo spettatore.
Tutto è narrato alla luce del sole, quasi come fossimo anche noi dentro quella nave.
Ma il film è di per se una grande metafora sulla rabbia creata dalle differenze sociali tra ricchi e poveri, come ho detto prima.
Tom Hanks per la prima volta in un ruolo d'azione ad alta tensione, che rinvigorisce finalmente la sua carriera dopo una serie di film al di sotto delle sue reali possibilità.
La regia di Greengrass è acuta e brillante e sapientemente gioca con gli spettatori tenendo sempre alta la tensione, ma di questi tempi questa cosa è più unica che rara...non si trova da nessuna parte un regista capace di giocare così con le persone.
E le carte le sa giocare bene, la partita la vince lui, non il pubblico, grazie anche a una sceneggiatura tratta da una storia vera precisiamo, e alla recitazione grandiosa di Tom Hanks che riesce ad essere naturale, quando c'è il rischio di non riuscire ad esserlo.
Non possiamo affatto chiedergli di più.
Un filmone come questo merita di essere visto e rivisto, soprattutto collezionato.
Da non perdere perchè mostra il volto inedito di un grande attore ultimamente usato in pellicole che non lo valorizzavano come meritava.
Voto: 8



Commenti

  1. 8 a sta schifezzona???
    non è un film apparentemente noioso, è un film noioso noioso e basta ahahh :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. naaaaaaaaaaaaaa a me è piaciuto moltissimo :D

      Elimina
  2. non l'ho visto ma mi ispira assai, Greengrass mi piace molto come regista e Hanks è davvero un bravo attore, anche se ultimamente va di moda dire che è scarso, quindi appena posso lo guardo senza dubbio ;-)

    RispondiElimina
  3. Film correttissimo. Non mi spiego davvero perchè sia stato così massacrato. Come dici un pretesto per confrontare mondo "civilizzato" e mondo "barbaro"; splendido l'inizio, nella partenza del capitano occidentale e di quello somalo. Il figlio di Hanks, viene detto, deve vedersela con un mondo sempre più spietato, e il montaggio alterna le immagini del giovane somalo (che potrebbe avere l'età del figlio), che già vive in un mondo spietato; una storia di due uomini letteralmente sulla stessa barca, il cui destino dipende da forze al di fuori del loro controllo.

    RispondiElimina
  4. Come dice Stefano nel commento precedente, pure io non capisco come mai questo film sia stato accolto così male (almeno, nella blogsfera che sono solita frequentare).
    A me non è dispiaciuto affatto.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Visioni in diretta - Ash vs Evil Dead

Si comincia con un videomessaggio, per poi continuare con quello che sto vedendo, l'episodio comincia con il riepilogo della puntata precedente, per poi continuare con il viaggio in macchina di Ash e un ragazzo che scappano dai non morti...vediamo che succede

In questa puntata Ash è proprio come dice il titolo dell'episodio un esca, e deve confrontarsi con una mamma non morta...l'episodio 2 sta per finire, vi dico solo che mi sono divertita un mondo a guardarlo, perchè oltre ad essere splatter  ha una trama che ti cattura...puro horror al 100%

Aggiornamento 12 Ottobre
E' cominciato l'episodio 3, con una donna che ha disseppellito il padre di Kelly per sapere dove si trova Ash, questi invece cerca un esperto per eliminare l'incantesimo e vengono sentiti dalla donna che ha disseppellito suo padre.
Una poliziotta si mette sulle tracce di Ash e cerca di arrestarlo, ma Pablo le da un colpo di femore che le fa perdere i sensi, ora sono arrivata al punto che la poliz…