Passa ai contenuti principali

Changeling

                                                      Riguarda & Recensisci
Era da tempo che volevo recensire Changeling, sin da quando è uscito al cinema, ma poi per un motivo e un altro non ho potuto farlo, ci pensa Riguarda & Recensisci a ripescarlo dal suo cappello per recensirlo proprio stasera per voi.

E' incredibile la capacità di Clint Eastwood di riuscire a creare emozioni nello spettatore, ma non sono emozioni che dimentichi facilmente, ti rimangono dentro a lungo e fanno si che il film non lo dimentichi più.
Poi ha fatto recitare anche Angelina Jolie, che molti sostengono non sia una attrice, io invece per ogni film che ho visto, sostengo sia una delle più sottovalutate attrici in circolazione, colpevole soltanto di essere una celebrità e questo secondo me offusca le sue capacità di attrice.
Ovviamente è un parere personale, poi ognuno è libero di pensarla come vuole.
In Changeling ha il ruolo di Christine Collins, una donna a cui scompare il figlio e la polizia le porta un altro bambino dicendo che è suo figlio, e creando un castello di bugie, senza nessun motivo palese, forse per celare la corruzione della polizia che invece di fare le indagini e scoprire dove si trova il bambino, ne prende un altro facendole credere persino di essere pazza,  arriveranno anche a farla internare in un ospedale psichiatrico, perchè sostiene a ragione che quel bambino non è il suo, ma la polizia, invece di fare il suo dovere, deve fare in modo che si trovi un bambino qualsiasi, basta che si chiuda il caso e si ritorni alla vita normale di tutti i giorni.
Sarà un pastore protestante a darle una mano, battendosi per la verità e facendola uscire da quel posto.
Forse i poliziotti non volevano andare a fondo alla cosa, il fatto che il film è tratto da una storia vera, in cui non c'è finale, e si rimane con il dubbio e la speranza che quel bambino possa tornare a casa, anche se un altro bambino ha detto che è stato ucciso, poco importa.
Quello che colpisce è la delicatezza con cui Clint Eastwood riesce a narrare una storia così crudele riuscendo allo stesso tempo ad essere persino struggente.
Le scene in cui Christine è internata ti colpiscono come un pugno nello stomaco, e ti domandi durante la visione, ma come si può essere così meschini nella vita?
Si, c'è gente meschina, soprattutto perchè non vuole andare avanti con le indagini e cerca sempre di risolvere il caso alla meno peggio, ma quando ti accorgi che il bambino che ti hanno presentato come tuo è più basso e non dimeno persino circonciso qualche domanda te la fai.
Stronzi anche alcuni poliziotti che dicono che un bambino può tornare basso, ma quando mai un bambino diventa basso? Di solito quando crescono diventano alti non bassi.
Ma per chiudere un caso scomodo, si fa questo e altro.
Colpisce anche il cinismo della polizia, che invece di fare il suo dovere, cerca di "risolvere" come conviene a loro, ma tutti gli scheletri usciranno dall'armadio, e saranno guai, i poliziotti corrotti pagheranno, e anche si scopriranno tante altre cose...comunque, ho già spoilerato, cosa che generalmente non faccio, mi scuso in anticipo per l'accaduto, ovviamente non ho aggiunto altro perchè evidentemente vi ho rovinato la sorpresa.
Comunque sia spero possiate perdonarmi.
John Malkovich, appare nel ruolo del pastore protestante, insolitamente in un ruolo positivo che mi ha colpita molto.
E questa era la seconda volta che lo vedevo.
E come sempre Clint Eastwood, da grande maestro del cinema quale è, colpisce al cuore, con una pellicola che difficilmente si dimentica.
E che è stato un piacere per me rivedere per poterla recensire.
Voto: 8

  

 

Commenti

  1. La migliore interpretazione di sempre (secondo me) di Angelina Jolie, ci voleva il vecchio Clint a farla recitare come si deve. Un film bellissimo, davvero appassionante e ben scritto dal mio amico J. Michael Straczynski (detto Stracchino), un personaggio solo contro tutti, proprio il tipo di film che mi compra ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il vecchio Clint è un grande dietro la macchina da presa ^_^

      Elimina
  2. Non eccelso ma uno dei pochi che mi ha leggermente scosso, per la capacità soprattutto del bravissimo regista di appassionare e poi sconvolgere ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.