Passa ai contenuti principali

The Fountain - L'albero Della vita

                                                              Riguarda & Recensisci
 Seconda giornata dello special dedicato a Darren Aronofsky, ok sarò breve, perchè per recensire questo film dubito che ci vorranno molte parole, poi andrò a dormire perchè ho sonno.

 
Riguarda & Recensisci ripesca dal suo cappello The Fountain - L'albero della vita.
Di per sè sembra un soggetto molto interessante, dalle infinite potenzialità, ma Aronofsky ne fa un apologo incostante, a metà strada tra un grande film o una boiata...riducendosi  in un opera anonima priva di spessore.
C'è bisogno di concentrarsi esclusivamente negli effetti speciali?
Io dico di no.
Senza dubbio non siamo ai livelli di Noah che era un film totalmente sbagliato sia nella struttura, che nella trama, questo bene o male con tutti i suoi difetti si fa volere bene, certo non siamo neanche ai livelli di film che ha precedentemente diretto.
Il mio preferito è e resta senza ombra di dubbio Requiem for a Dream che rimane un film insuperabile capace di darti il classico pugno nello stomaco.
The Fountain rimane un film in bilico, con evidenti buchi di sceneggiatura, ma dove vuole andare a parare?
Questa è la domanda che lo spettatore si pone.
Come protagonista sceglie l'allora compagna Rachel Weisz, che se la cava bene in un ruolo difficile, ad affiancarla c'è Hugh Jackman nel doppio ruolo del medico e del conquistadores.
Non ci vuole poi molto a capire che si tratta di un film nel film, che racconta la ricerca de l'albero della vita per l'eterna giovinezza o la salvezza visto che la protagonista e compagna del medico è malata di cancro, e lui cerca una cura pe salvarle la vita.
Nel frattempo in un arco temporale che va  da diversi secoli, c'è un conquistatore, che cerca proprio l'albero della vita, ma mentre noi sappiamo perchè il medico lo cerca, non si capisce il motivo per cui il conquistatore intende trovarlo, forse per vivere per sempre?
In conclusione, un film che resta in bilico incapace di esplodere e decollare, ma che presenta una struttura interessante capace anche di cogliere qualche sfumatura interessante, quindi non è tutto da buttare via, esistono senza dubbio film peggiori di questo.
Voto: 6

 
 

Commenti

  1. Se non ho visto fino ad adesso un motivo ci sarà stato, anche se mai sentito, comunque sicuramente non vedrò, bocciato ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.