Passa ai contenuti principali

Foxy Brown

                                                                   Speciale Exploitation

Come ogni sabato ecco l'appuntamento della fabbrica con il cinema d'exploitation, cominciato la scorsa settimana con un giallo, e già questa siamo già a un sottogenere di quel tipo di cinema, ossia la Blaxploitation. Come film ho visionato proprio la settimana scorsa Foxy Brown, con una giovanissima Pam Grier.
La storia è costruita come una specie di poliziesco senza poliziotti, ma che ha parecchie scene d'azione che lo rendono parecchio intrigante.


Il film è diretto da Jack Hill, un bianco che dirige una storia totalmente di neri, bianchi ce ne sono pochissimi, e soprattutto nel ruolo di cattivi.
 Se mettiamo da parte una certa superficialità di fondo e ci godiamo la pellicola così come si presenta ci possiamo anche divertire, a me è successo nella sua ora e mezza di durata.
Poi vedere una giovanissima Pam Grier protagonista assoluta di questo film, mi ha fatto ricordare di molto anche Jackie Brown di Tarantino, eh si lo devo ammettere, questi ruoli da dura le calzano a pennello alla Grier, che qui interpreta una donna che all'inizio deve tirare fuori dai guai suo fratello perchè ha avuto contatti con uno strozzino a cui deve dei soldi, poi il suo fidanzato muore e questo fa si che decide di vendicarsi fingendosi una prostituta per raggiungere coloro che lo hanno fatto fuori.
L'impresa sarà molto difficile, perchè gli uomini di Katherine, riconoscono in Foxy, come la donna dell'uomo che hanno ucciso e allora la rapiscono e le fanno subire ogni sorta di violenza finchè lei non si libera con una lametta presa con la lingua e da fuoco al capanno.
Siccome Foxy è una donna tosta e con le palle, non si lascia intimidire, e raggiunge le pantere nere per farsi aiutare, riuiscirà a mettere in atto la sua vendetta?
Il film presenta vari stereotipi sui neri, ma essendo un film d'azione lo spettatore viene catapultato nella storia che seppur con qualche difettuccio, riesce a intrattenere molto bene. Sebbene presenti una trama piuttosto semplice, riesce bene o male a coinvolgere, poi ha una donna per un film d'azione bella tosta, di cui è facile identificarsi.
Pam Grier, mi piace da matti, sin da quando l'ho vista nella pellicola di Tarantino, che omaggia appunto questo genere di film.
E devo dire che piacciono anche a me, dall'amico Robydick, sono recensiti diversi film dello stesso genere, che io ovviamente cercherò di recensire alla fabbrica, io ho voluto cominciare per quanto riguarda la blaxploitation, proprio con Foxy Brown, film che è già nei miei cult.
Innegabili le ispirazioni di Tarantino su questo tipo di cinema, a lui piace coffy, che prossimamente recensirò anche io, appena ci sarà l'occasione giusta.
Un film che bene o male si fa volere bene, nonostante i molti difetti, ma che scorre via molto facilmente come bere un bicchiere d'acqua, da prendere come ho detto prima per quello che è, e sono sicura che lo apprezzerete.
Perchè? 
Non ha bisogno di essere un capolavoro, è già un cult, e questo basta e avanza.
Voto: 6 e 1/2

  

Commenti

  1. Verissimo, un cult e Tarantino ha saputo omaggiarne alla perfezione la protagonista, nel suo film.
    La Blaxploitation è un genere particolare, forse nemmeno possiamo capirlo al 100%.
    Ah, a me la Grier piace molto anche in Nico :)

    P.s. circa il dubbio sul Nano di TP ho chiesto agli altri fan, sulla pagina FB... vediamo cosa ci dicono perché la cosa mi intriga^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah bene cercherò il film allora, e sul nano di tp, fidati perchè avevo un amico che ora non c'è più - e sarebbe impazzito nello scoprire della terza stagione di tp, che sosteneva proprio questa cosa xD

      Elimina
    2. Eheh, non so, secondo me la tua/sua interpretazione "metaforica" non esclude quella "letterale" :)

      Moz-

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.