Passa ai contenuti principali

Hellraiser

E che abbiamo stasera? Un horror che è un caposaldo nella storia, e ci voleva dopo due horror belli, un capolavoro.
Finalmente Bollicina mi ha convinto a recensirlo col suo commento, ed eccomi qui, adesso devo dire la mia su un film decisamente splatter e naturalmente fa parte di quelle pellicole per gente poco impressionabile.
Alla regia abbiamo lo scrittore horror Clive Barker, che adatta per lo schermo un suo romanzo Schiavi dell'Inferno.

La trama racconta di un uomo che scoperta una scatola misteriosa la apre ma finisce a brandelli, l'unica possibilità di tornare in vita è di trovare qualcuno che gli porti del sangue umano, Frank, che in passato ha avuto una relazione con Julia, ora si trova in condizioni fisiche disastrose.
Sarà proprio Julia a trovarlo e lo aiuta a tornare in vita fornendogli giovani vittime da sacrificare, ma Kristy, la sua figliastra scopre tutto, Frank cerca di ucciderla perchè non vuole che altri vengano a sapere della sua condizione, ma la ragazza finisce sotto chock in ospedale.
E sarà proprio in ospedale a cui le faranno visita i cenobiti, ossia i supplizianti, e per sfuggire alle loro torture dopo aver scoperto della scatola che può portare a un altra dimensione, li porta da Frank, che tenta di uccidere di nuovo la ragazza, ma qualcosa va storto.
E' inutile nascondere che questo è un caposaldo dell'horror, visto proprio nei primi mesi di questo grandioso 2017 che mi ha piacevolmente sorpresa oltre che positivamente impressionata.
E' inutile dire che è un horror per stomaci forti non è vero?
Innanzitutto perchè presenta una trama allucinatoria e infernale in cui il regista è capace anche di fare rabbrividire lo spettatore.
Film che è diventato un franchise con 8 seguiti, che cercherò di vedere, ma sono sicura che questo primo capitolo è e rimane uno dei capisaldi del cinema anni ottanta.
Film girato a basso costo e con pochi mezzi in una vera casa, in cui non c'era molto spazio per le riprese e allo stesso tempo ha creato nel regista una inventiva che lo ha fatto entrare nella leggenda dei migliori horror di sempre.
Sicuramente è uno dei migliori horror girati in quegli anni, al pari passo di film come La Casa del mitico Sam Raimi.
Clive Barker si trova alla sua terza regia dopo Salomè e The Forbidden, di cui questo è l'unico film del franchise da lui diretto, ha scritto le sceneggiature degli altri quattro capitoli comunque.
Siamo già al terzo film di questa lunga maratona e già ho beccato un capolavoro, fatto con pochi mezzi e pochi effetti speciali, assolutamente a basso costo, ma che impaurisce dalla prima all'ultima sequenza.
Un must sicuramente da avere nella propria collezione cinefila e perchè no, se siete anche horrorofili non può certamente mancare un film del genere nella vostra collezione.
Ecco un altro horror che è entrato nella mia speciale classifica dei migliori horror mai visti, e merita senza dubbio un posto di riguardo.
Un film leggendario, che, nonostante sono passati trent'anni dalla sua uscita risulta alquanto fresco e originale.
In Conclusione, da vedere assolutamente.
Voto: 10





Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.