Passa ai contenuti principali

Il Serpente e L'arcobaleno

Dennis Allan, un antropologo si reca ad Haiti per verificare voci di presunti morti viventi che vagano in città, qui conosce la psichiatra Mariell, che nonostante le voci di riti voodoo che vengono praticati, sta accanto alla gente del posto, lei gli parla di Christophe, un maestro di scuola che è stato reso zombie da uno stregone crudele, viene a conoscenza di riti magici legati alla magia nera, attraverso la produzione di una polvere speciale che se buttata addosso alla persona la trasforma in zombie, in morti viventi, all'inizio Dennis crede che ci sia dietro il trucco, poi quando ad una festa conosce Lucien, un uomo legato alla magia, capisce che forse lui ha la chiave per aprire la porta di quel mondo e scoprire se le voci sono vere o sono solo superstizioni di paese, fino a quando conosce un giovane che la polvere la sa fare, con un pretesto gli fa credere di aver preso la polvere, dopo che ha scoperto che la pecora forse non è stata resuscitata, il medico se ne va, ma le cose si complicano quando lo stregone che è a capo della polizia che controlla i ribelli, si mette nelle sue tracce, all'inizio lo tortura, ma poi lo allontana dalla città, non riuscirà nel suo intento, intanto scopre che Lucien ha protetto Mariell, in modo che lo stregone non la trovi, a nulla servirà la protezione, ma forse la chiave per liberare le anime che lo stregone tiene chiuse in piccole boccettine ce l'hanno proprio Dennis e Mariell...
Un film curioso e sorprendente, che prende spunto da un romanzo tratto da una storia vera, ben scritto e ben diretto, capace di falti saltare sulla poltrona, uno di quegli horror anni ottanta per nulla banali, ma che ricalcano fedelmente tutti i canoni e tutte le regole che ahimè piano piano si sono perse per strada coi nuovi film, ma veniamo al dunque, Craven furbescamente, non rifà Romero, ma rende personale la sua visione degli zombie, prendendo spunto da un fatto realmente accaduto, quindi non c'è nulla di inventato, e questa è l'arma vincente della pellicola, i cui trucchi sono realistici e fanno veramente rizzare i capelli dalla paura, ci troviamo davanti a un film da brividi, un vero horror, direi originale in cui tutto è curato nei minimi dettagli, dai trucchi, alle scenografie, persino la recitazione degli attori, in cui spicca Bill Pullman, che in futuro lavorerà con Lynch nel supercult Strade Perdute che offre un'interpretazione sincera e schietta, ma la ciliegina sulla torta è Wes Craven, che dirige un film ottimo e astuto allontanandosi dalla visione di Romero per personalizzarla con il suo talento.
DA NON PERDERE.





Commenti

  1. Un film da riscoprire, che è stato il primo girato ad Haiti durante la dittatura di Duvalier.
    Bellissimo.

    RispondiElimina
  2. si è bellissimo, davvero straordinario :) Oh ma mi sa che Craven sta diventando un autore che presto aggiungerò al mio preferito in assoluto tra i registi di genere John Carpenter, ma prima di farlo devo guardare l'intera filmografia :)

    RispondiElimina
  3. Visto. Bellissimo, terrificante e misterioso. Non so se si è capito, ma Craven è uno dei miei registi preferiti!

    RispondiElimina
  4. aaaaaaah ecco perchè partecipi e commenti hahaha, si con la scusa che sono stati i lettori a scegliere la rassegna lo sto scoprendo anche io, avevo iniziato anni fa con i primi scream, ora grazie a voi lo sto approfondendo, e direi che piano piano sta iniziando a piacermi di più :)

    RispondiElimina
  5. Questo non l'avevo visto!!!!!! grazie della segnalazione, devo rimedare al più presto possibile

    RispondiElimina
  6. Ma perché, pur avendolo sicuramente visto, non me ne ricordo nemmeno un fotogramma? o__O
    Mi sa che devo riguardarlo....

    RispondiElimina
  7. Zombi haitiani delle leggende originarie, grande atmosfera e taglio Ottanta (hai detto bene).
    Da tenere sempre in considerazione!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…