Passa ai contenuti principali

La promessa dell'assassino

Una ragazza attraversa le porte di una farmacia, ha indosso un impermeabile ed è pallidissima in volto, chiede aiuto al farmacista che la prende per una drogata, all'improvviso cade a terra in preda a una fortissima emorraggia, inizia così uno dei film più intensi e sconvolgenti di David Cronenberg, che richiama all'appello colui che possiamo definire suo attore feticcio Viggo Mortensen, che qui interpreta l'autista di una famiglia proprietaria di un ristorante in odor di mafia russa.
All'ospedale c'è una dottoressa, Anna che si prende a cuore il caso dopo che la ragazza ancora minorenne da alla  luce una bambina e poi muore perchè ha perso molto sangue, la ragazza ha lasciato in eredità un diario dove racconta la sua storia, ma il diario è scritto in russo e ci vuole un traduttore, lo trova nel proprietario del ristorante che ha un rapporto conflittuale con il figlio, un uomo piuttosto instabile che crede di non essere apprezzato abbastanza dal padre, che è capo di una fratellanza di mafia russa la Vory V Zakone.
Alle dipendenze di questi vi è anche Nikolai, che è un autista in apparenza fedele al grande capo, che instaurerà con Anna, l'ostetrica uno strano rapporto di solidarietà e sospetto, che poi sarà fondamentale nello sbrogliare la complicata matassa e il mistero legato alla morte di questa ragazza minorenne, all'inizio Semyon, questo è il nome del padrone del ristorante, di proporrà disponibile nella traduzione dei diario della ragazza affinchè si potrà rintracciare l'indirizzo della famiglia per dare in affidamento Christine la bambina nata, ma non c'è da fidarsi di lui, Semyon ha un secondo fine, cioè quello di distruggere il diario della ragazza affinchè si insabbi la verità sulla sua fine, ma sarà lo zio di Anna a scoprire tutto traducendo il diario, la ragazza Tatiana è stata stuprata e dallo stupro è rimasta incinta, è stata portata in inghilterra con la speranza di un futuro migliore, le è stato detto che avrebbe cantato nel ristorante - a proposito, è nel diario della ragazza che si trova il biglietto da visita del ristorante di Semyon - ma chi ha stuprato Tatiana? Chi è il padre del bambino? Il figlio instabile, il padrone del ristorante? Chi è stato? Cronenberg dirige un opera dove la violenza è teatrale e drammatica, dove per salvarsi la pelle si fa di tutto anche cercare di uccidere una innocente creatura inconsapevole di tutte queste crudeltà, da antologia la scena nella sauna con Nikolai che combatte per difendersi da due feroci killer.
Ennesimo capolavoro di David Cronenberg, che mette in luce con precisione chirurgica le luci e le ombre della mafia russa.
Bravissimi tutti gli interpreti, menzione speciale spetta a Naomi Watts, che dimostra di dare carattere alla sua protagonista, a Vincent Cassell, sempre bravissimo che nel suo bastardo gli da tristezza che lo rende succube di un padre padrone, il sempre bravissimo Muller-Sthal inquietante al punto giusto e soprattutto Viggo Mortensen.
CAPOLAVORO.





Commenti

  1. Un film gigantesco.
    Scene epiche, intensità incredibile, regia da maestri, interpretazioni memorabili.
    Concordo in tutto.
    Un Capolavoro.

    RispondiElimina
  2. eh si, un film da brividi direi, mefistofelico Semyon, quest'attore lo mettono sempre in ruoli di cattivo e non giggioneggia mai, anzi è così sincero nella parte che ti impressiona ^^

    RispondiElimina
  3. Secondo me è la dimostrazione che Cronenberg può spaziare in tanti generi....il mondo del regista non è questo del film ma ha ricreato delle atmosfere che lo confermano maestro...

    RispondiElimina
  4. si concordo per questo forse il film è riuscitissimo :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.