Passa ai contenuti principali

This Must Be The Place

Ed ecco a voi, la trasferta americana di Paolo Sorrentino, autore acclamato di capolavori come il Divo, le conseguenze dell'amore e l'amico di famiglia, interpretati da Tony Servillo, colui che dicono sia il miglior attore italiano in circolazione, per questa trasferta sceglie il miglior attore americano in circolazione Sean Penn, nel ruolo stralunato e malinconico di Cheyenne, una rockstar ormai in pensione che alla morte del padre decide di fare un viaggio per raggiungere il criminale di guerra che durante la seconda guerra mondiale ha rischiato di farlo fuori, sarà un viaggio soprattutto alla ricerca di se stesso, delle origini della sua depressione, ma soprattutto un viaggio per far si che la vendetta del padre si compia su quella persona che lo aveva torturato.
Scoprirà un'altra realtà, ma soprattutto farà in modo che sia la morte del padre a riappacificarlo con il mondo e con se stesso, riuscirà Cheyenne a sfornare un altro disco? Il film non te lo dirà mai, ci sono strizzatine d'occhio a vari capolavori come il Lynchano Una Storia Vera, nonostante ciò, Sorrentino non si lascia andare come i film che ha diretto prima, non si lascia sedurre dalla macchina da presa, non azzarda, non rischia, lascia che siano gli attori ad essere diretti dalla sua mano, ma così è troppo poco e se nelle altre pellicole è riuscito ad esprimersi alla grande, anche con una semplice inquadratura, non succede lo stesso con This Must Be The Place, titolo preso in prestito da una canzone dei Talking Heads, il cui leader appare in un cameo, se la figlia di bono vox Eve Hewson è irresistibile nel ruolo dell'amica di Cheyenne, Sean Penn regala un interpretazione stralunata, folle, intensa, infantile, a dire con parole povere si mangia tutti quanti compreso Paolo Sorrentino, è  lui ad azzardare, a rischiare, sorreggendo da solo un intero film con la sempre bravissima Frances McDormand, attrice che apprezzo moltissimo che lo salva anche dal baratro.
Non il miglior Sorrentino ma sicuramente un opera da collezionare e da amare.
DA NON PERDERE (solo per l'interpretazione di Sean Penn)




Commenti

  1. Come ho scritto anche sul mio blog in un post che ho dedicato al Sorrentino che amo, credo che questo film non sia all'altezza delle promesse, forse ha mirato troppo alto, è solo un'accozzaglia di citazioni, e non parlo solo di Lynch ma anche dei Coen ( mettendo nel cast pure la moglie di uno dei 2 la bravissima Mc Dormand) insomma una specie di copiaincolla mal riuscito. Sean Penn, di solito straordinario, non è riuscito a conquistarmi con quel personaggio fin stroppo stralunato.
    Secondo me invece ..si può anche perdere.

    Ciao.

    RispondiElimina
  2. si anche io penso che ha puntato troppo in alto, penso anche che senza Penn il film non sarebbe stato lo stesso, però vedere Penn e la McDormand insieme è una goduria :)

    RispondiElimina
  3. Io l'ho trovato molto ben girato e curato nella parte tecnica, ma ben lontano dai filmoni cui ci aveva abituati Sorrentino.
    Di sicuro un suo lavoro minore.

    RispondiElimina
  4. concordo, è un film minore rispetto a il divo l'amico di famiglia e le conseguenze dell'amore, ma resta un opera semiriuscita, mi aspettavo tanto da questo film, Sorrentino che dirige Sean Penn, mi sono detta WOW, imperdibile, ma poi mi sono accorta che il film scorreva e non dava molte emozioni, però bisogna dirlo Penn è sempre un grande :)

    RispondiElimina
  5. un gran bel film ma decisamente non un capolavoro, cmq dai è un buon inizio per una sua carriera internazionale!

    RispondiElimina
  6. eh beh non posso che essere d'accordo :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…