Passa ai contenuti principali

Le colline hanno gli occhi

Secondo lungometraggio di Wes Craven, che potrei definire un horror di frontiera, sporco duro, ma che mostra il Craven che verrà nel futuro, un film considerato il primo capolavoro di Craven, in cui una famiglia in giro per cercare una miniera si imbatte in feroci assassini cannibbali, beh con questo ho detto tutto credo che non ci sia nient'altro da aggiungere per raccontare la trama, ora è giunta l'ora di commentare il film per la recensione.
Non è di certo turculento, ma fa effetto vedere la famiglia tipica americana imbattersi nel deserto e diventare preda di questi mostri in un desolato luogo, non c'è nient'altro in quel deserto, non c'è quasi possibilità di salvezza, ci sono anche dei morti in quella famiglia che dovrà prendere i propri istinti primordiali per sopravvivere e trasformare la loro pacifica natura in una natura che è lontana anni luce da loro selvaggia, malsana, potrei definire questo film disturbante, ma forse è proprio questa la natura dei questa pellicola che considero tra le migliori di Craven, ma si sa in quegli anni gli horror erano decenti e questo non fa eccezzione (anche se io preferisco altre tipologie di horror) va detto che erano gli anni anche in cui i film horror si sapevano fare, potremmo definirla una pellicola di culto? Che è di culto non lo metto in dubbio, di certo è una pellicola che può dividere il pubblico, o la ami o la odi non ci sono vie di mezzo, detto questo credo che ci sia da dire solo che come horror è da vedere sicuramente ma soprattutto è un oggetto da collezione per ogni appassionato di cinema di genere che si rispetti.
Craven dimostra di saperci fare dietro la macchina da presa, la fotografia grezza e vecchio stile sottolinea l'ambientazione desertica del film e non c'è da stare tranquilli, perchè Craven sa regalare tensione ad ogni inquadratura, anzi la tensione non si perde mai fino al finale agghiacciante.
DA COLLEZIONARE.



Commenti

  1. Grezzo, ma proprio per questo mi piacque. Craven ha poi acquisito forse maggior bravura, ma più "patinatura", cosa che io gradisco meno.
    Gran film, peccato per il doppiaggio italiano, non sempre all'altezza.

    RispondiElimina
  2. si è un piccolo oggettino di culto ^^

    RispondiElimina
  3. Visto la prima volta mi aveva fatto notevolmente ridere. La seconda volta ero sola, calma e concentrata, e l'ho apprezzato decisamente di più. Un caposaldo, sicuramente.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Ro.Go.Pa.G

Un film collettivo, che racchiude 4 episodi, non sono male, ma io personalmente, ho preferito gli ultimi due, sono ben girati e in particolare quello di Pier Paolo Pasolini è il migliore di questo film, in cui 4 dei maggiori cineasti degli anni sessanta, si riuniscono, non c'è nessun legame tra un film e l'altro, che in realtà sono 4 cortometraggi uniti.
L'illibatezza di Roberto Rossellini, Il Nuovo Mondo di Godard, La Ricotta di Pasolini, e infine Il Pollo Ruspante di Gregoretti.
I quattro cortometraggi compongono questo film collettivo e uniscono 4 dei più importanti cineasti del tempo, il mio preferito resta La Ricotta, sorta di commedia che ricorda molto le comiche ai tempi del muto con udite udite anche il grande Orson Welles nel ruolo del regista.
Film che è stato sequestrato dalla magistratura e processato per "Vilipendio alla Religione", ma noi italiani siamo sempre stati così bacchettoni? No perché una cosa del genere sarebbe da spanciarsi dalle risate e…

Aquaman

Dimensione extralarge per Aquaman, credevate che non lo recensivo? Vi sbagliate, ecco a voi la rece del film con quel gran bel fusto di Jason Momoa.