Passa ai contenuti principali

Le colline hanno gli occhi

Secondo lungometraggio di Wes Craven, che potrei definire un horror di frontiera, sporco duro, ma che mostra il Craven che verrà nel futuro, un film considerato il primo capolavoro di Craven, in cui una famiglia in giro per cercare una miniera si imbatte in feroci assassini cannibbali, beh con questo ho detto tutto credo che non ci sia nient'altro da aggiungere per raccontare la trama, ora è giunta l'ora di commentare il film per la recensione.
Non è di certo turculento, ma fa effetto vedere la famiglia tipica americana imbattersi nel deserto e diventare preda di questi mostri in un desolato luogo, non c'è nient'altro in quel deserto, non c'è quasi possibilità di salvezza, ci sono anche dei morti in quella famiglia che dovrà prendere i propri istinti primordiali per sopravvivere e trasformare la loro pacifica natura in una natura che è lontana anni luce da loro selvaggia, malsana, potrei definire questo film disturbante, ma forse è proprio questa la natura dei questa pellicola che considero tra le migliori di Craven, ma si sa in quegli anni gli horror erano decenti e questo non fa eccezzione (anche se io preferisco altre tipologie di horror) va detto che erano gli anni anche in cui i film horror si sapevano fare, potremmo definirla una pellicola di culto? Che è di culto non lo metto in dubbio, di certo è una pellicola che può dividere il pubblico, o la ami o la odi non ci sono vie di mezzo, detto questo credo che ci sia da dire solo che come horror è da vedere sicuramente ma soprattutto è un oggetto da collezione per ogni appassionato di cinema di genere che si rispetti.
Craven dimostra di saperci fare dietro la macchina da presa, la fotografia grezza e vecchio stile sottolinea l'ambientazione desertica del film e non c'è da stare tranquilli, perchè Craven sa regalare tensione ad ogni inquadratura, anzi la tensione non si perde mai fino al finale agghiacciante.
DA COLLEZIONARE.



Commenti

  1. Grezzo, ma proprio per questo mi piacque. Craven ha poi acquisito forse maggior bravura, ma più "patinatura", cosa che io gradisco meno.
    Gran film, peccato per il doppiaggio italiano, non sempre all'altezza.

    RispondiElimina
  2. si è un piccolo oggettino di culto ^^

    RispondiElimina
  3. Visto la prima volta mi aveva fatto notevolmente ridere. La seconda volta ero sola, calma e concentrata, e l'ho apprezzato decisamente di più. Un caposaldo, sicuramente.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.