Passa ai contenuti principali

Scream

La ricetta giusta per fare un horror che sia più un thriller che un horror? Non ce l'avete? Forse l'intuizione è venuta a Wes Craven, divenuto celebre negli anni ottanta con Freddie Krueger che in Nightmare ha dato gli incubi a una generazione facendosi un consueto gruppo di ammiratori di appassionati di film horror, se il film sopracitato è stato l'icona degli ottanta, Scream può tranquillamente ambire ad essere l'icona degli anni '90, solo che adesso non ci sono gli incubi a farvi morire, ma un assassino reale, un assassino cinefilo appassionato di horror, in cui se sbagli a rispondere ti uccide, risultato? Un capolavoro, uno dei migliori film di Wes Craven, che per l'occasione chiama un gruppo di attori sconosciuti che sono usciti da serial tv, il risultato è una bomba, la trama è piuttosto semplice ma ben articolata e strizza l'occhio al grande Alfred Hitchcock, che sia un ammiratore del grande regista inglese lo si può notare dall'incipt, in cui appare per pochi minuti Drew Barrymore, che grida e urla con tutto il fiato che ha in corpo perchè è terrorizzata dall'assassino, credete sia la protagonista vero? E invece no, la povera Drew muore pochi minuti dopo ed entra in scena lei, la vera protagonista della saga, Sidney Prescott, interpretata da una giovanissima Neve Campbell, che grazie a questo film è divenuta celebre, per poi scegliere film di nicchia con il tempo.
La regia è ottima, e non perde mai il punto di vista di veri appassionati di film di genere, la sceneggiatura è scritta invece da Kevin Williamson, che poi in tv farà Dawson's Creeck e The Vampire Diaries, ma qui ci inserisce tutta la passione per il genere horror e lo si intuisce, ma in scream c'è di più, è un analisi sul vuoto assoluto di una generazione che vede nei film lo scorrere della propria vita, ma c'è anche dell'ironia, l'invadenza della tv, nel suo voler parlare sempre e comunque di storie al limite della violenza pur di fare audience, l'ironia, e tanto tanto altro, insomma c'è tutto non manca niente.
Sarà proprio Sidney con l'aiuto dei suoi amici a dover fare i conti con l'assassino, e smascherarlo, la polizia ha un ruolo marginale,quasi nullo, sarà un gioco al gatto col topo in cui scorrerà un lago di sangue prima che venga fuori il colpevole, o sono due? Mah Chi lo sa, in conclusione un film imperdibile, sia per chi è appassionato di cinema, che per chi si appresta a fare i primi passi del genere.
CAPOLAVORO.


Commenti

  1. Ovviamente adoro. Il primo è un gioiellino del cinema horror. Davvero notevole.

    RispondiElimina
  2. concordo anch'io per il capolavoro!
    probabilmente il mio horror preferito, di sicuro quello che mi diverte di più

    RispondiElimina
  3. si è molto divertente e fa anche gelare il sangue XD

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Liebster Award 2017

Innanzitutto mi scuso per il ritardo...di parecchi mesi.
Siccome non sono ipocrita ho deciso di premiare alcuni blog che ritengo amici, diciamo a quelli che secondo me meritano più attenzione.
Rintrazio S O L A R I S e anche Pietro Saba World che ringrazio di cuore, dunque le regole

1) Ringraziare e Rispondere alle 11 domande di chi ti ha premiato
2) Premiare gli 11 blogger meritevoli che non raggiungono i 200 followers
3) comunicare la vincita agli altri bloggers premiati
4)  Proporre ai premiati altre 11 domande

Ok alloooora, rispondo alle domande di Solaris
1 - Netflix e lo streaming (Legale) fanno bene o male al cinema?
Io dico che semplicemente sostituiranno la sala cinematografica, purtroppo le nuove tecnologie metteranno al bando i vecchi cinema, io spero vivamente di no...ma la realtà dei fatti purtroppo è questa :(
2- Mentre state vedendo un film al cinema fate silenzio assoluto oppure fate commenti con il vicino di poltrona?
Il silenzio è la regola principale, nessuno mi deve dis…

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.