Passa ai contenuti principali

Cyrus

John è divorziato da sette anni, l'ex moglie vedendo che il suo stato di depressione peggiora di giorno in giorno lo invita alla sua festa di fidanzamento, e gli consiglia di cercarsi una compagna, e la trova proprio alla festa del fidanzamento della ex morlie, lei è una ragazza spigliata e socievole, e sembra che lui ha trovato la donna dei suoi sogni, sembra che piano piano le cose si stiano mettendo apposto, ma è davvero così?
Quello che John non sa è che deve fare i conti con il figlio di lei Cyrus, un gigante che sembra innoquo, ma che darà filo da torcere all'ingenuo John.
I fratelli Duplass sfornano una commedia tra le più divertenti che ho visto quest'anno, acida, ironica, al vetriolo, il duello tra John e Cyrus sarà all'ultimo sangue, e sono due personalità complementari perchè John è un adulto/bambino che ha bisogno di sicurezze, mentre Cyrus è un bambino che non vuole diventare adulto e difende il suo orticello essendo cresciuto senza padre e sua madre l'ha tirato su.
Così Cyrus è il terzo incomodo della coppia deliziosa formata da due attori formidabili quali sono John C Reilly (attore feticcio di Paul Thomas Anderson) e Marisa Tomei, che si trovano a fronteggiare la situazione rendendo difficile se non impossibile il loro rapporto.
Un film delizioso e divertentissimo, che riflette sui rapporti umani e sulla gelosia in maniera ironica, e pungente, con una punta di ilarità che lo rende irresistibile.
Ma è il personaggio di Cyrus, il cardine della storia, che apparentemente è un simpatico omaccione pacioccoso, ma sotto sotto renderà la vita di John una sfida pericolosa, per far si che rinunci a sua madre di cui vuole lui e solo lui le attenzioni.
Tra le scene migliori c'è la scoperta di John che Cyrus gli ha nascosto le scarpe e il duello al matrimonio della moglie di lui che metterà per un certo momento fine al rapporto con la madre di Cyrus e anche quando Cyrus ritorna a casa dopo la decisione di lasciare campo libero a John e si parlano chiaramente.
Riuscirà John a conquistare la donna dei suoi sogni malgrado Cyrus? e Cyrus riuscirà a crescere e ad accettare John nella vita di sua madre? Non vi resta che guardare il film.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.