Passa ai contenuti principali

Il Pasto Nudo

Un film complesso, dalla trama talmente articolata da rischiare di perdersi, eppure è uno dei film più allucinati e geniali che ho visto, qui Cronenberg porta allo stremo i suoi abituali temi cinematografici grazie alla trasposizione per il grande schermo del romanzo omonimo di William Burroghs.
E' un opera cinematografica che lascia parecchio impressionati, soprattutto per le tematiche che tratta, ma anche perchè non si può definire solo in una sola categoria? E' un Horror? Quasi ma ci sta nella categoria horror, è un film fantastico? Può anche darsi, può essere anche comico, si notano le macchine da scrivere a forma di calabroni parlanti, eppure nella sua lucida follia non c'è niente che tocchi il ridicolo, fa tutto parte della trama ed è talmente collegata da risultare perfetta con la trama, come una partita a scacchi in cui i pedoni anche se apparentemente grotteschi, stiano perfetti nella scacchiera.
Protagonista un formidabile Peter Weller, nella parte di uno scrittore allucinato che ingerisce una misteriosa polvere gialla, un veleno per gli insetti di cui è assuefatto, i cui effetti gli fanno credere di vivere in una specie di interzona in cui c'è un complotto tra extraterrestri e mostriciattoli vari, nel frattempo uccide per sbaglio la moglie Joan giocando a fare il bersaglio con il bicchiere, ma invece di prendere l'oggetto colpisce la moglie  in fronte, e si trova al centro di un complotto di cui non riuscirà a sbrogliare, con dentro strani personaggi e strane creature, ma è un sogno? Una allucinazione? O frutto di una mente malata?
Cronenberg gioca con lo spettatore mischiando le carte, e lo fa in un modo impeccabile, geniale, forse è una delle sue pellicole migliori, di certo non è una delle pellicole da guardare con la famiglia, e non è un film per tutti, è uno di quei film d'autore capaci di diventare piccoli oggetti di culto e restare nel tempo come capolavori.
Così Cronenberg dirige il suo film più allucinato e folle, un opera per stomaci forti o per chi non si lascia impressionare del tutto dalle troppe scene schizzinose, un solo consiglio, lasciatevi sedurre dal film, e divertitevi.
In sostanza, un film complesso e affascinante, assolutamente da non perdere soprattutto se amate le pellicole strane o anche il cinema d'autore o di culto.
CAPOLAVORO.


Commenti

  1. visione che non può prescindere dalla lettura del libro. sul "capolavoro" qua non si discute proprio

    RispondiElimina
  2. ovviamente il libro lo cercherò e sarà un piacere leggerlo :)

    RispondiElimina
  3. avevo iniziato a guardarlo, non capivo nulla, allora ho aspettato di leggere il libro (spaventoso!) e quindi mi sono visto il film per intero... e non ho capito nulla lo stesso, ahah! ma la rece è venuta discretamente

    RispondiElimina
  4. questo è Cronenberg, caspita un capolavoro... folle e disturbante, riesce a sfruttare perfettamente il potere del cinema!!

    RispondiElimina
  5. avete ragione tutti, io non ho letto il libro di burroghs (ma sono curiosa di farlo) questa è la seconda volta che lo vedo perchè c'è la rassegna e quindi ho voluto dare un impronta fresca alla recensione roby al posto tuo ho saputo guardarlo tutto la prima volta hehe ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Ro.Go.Pa.G

Un film collettivo, che racchiude 4 episodi, non sono male, ma io personalmente, ho preferito gli ultimi due, sono ben girati e in particolare quello di Pier Paolo Pasolini è il migliore di questo film, in cui 4 dei maggiori cineasti degli anni sessanta, si riuniscono, non c'è nessun legame tra un film e l'altro, che in realtà sono 4 cortometraggi uniti.
L'illibatezza di Roberto Rossellini, Il Nuovo Mondo di Godard, La Ricotta di Pasolini, e infine Il Pollo Ruspante di Gregoretti.
I quattro cortometraggi compongono questo film collettivo e uniscono 4 dei più importanti cineasti del tempo, il mio preferito resta La Ricotta, sorta di commedia che ricorda molto le comiche ai tempi del muto con udite udite anche il grande Orson Welles nel ruolo del regista.
Film che è stato sequestrato dalla magistratura e processato per "Vilipendio alla Religione", ma noi italiani siamo sempre stati così bacchettoni? No perché una cosa del genere sarebbe da spanciarsi dalle risate e…

Aquaman

Dimensione extralarge per Aquaman, credevate che non lo recensivo? Vi sbagliate, ecco a voi la rece del film con quel gran bel fusto di Jason Momoa.