sabato 12 novembre 2011

La Casa Nera

The People Under The Stairs, questo è il titolo originale di un opera che strizza l'occhio alle terrificanti storie dell'infanzia piene di incubi che terrorizzavano i bambini, da questo spunto Wes Craven dirige un opera inquietante che terrorizza anche grazie alla bravura di due attori navigati come Everett McGill e Wendy Robie (Qualcuno li ricorda in Twin Peaks? Erano Ed e Nadine Hurley) che in questo film sanno essere terrificanti più della trama stessa o quasi, i due sono in realtà mostri che rapiscono i bambini e li tengono chiusi in cantina - da qui il titolo originale - ma sono anche avidi approfittatori, capaci di sfrattare dalle loro proprietà la gente che ritarda il solo pagamento dell'affitto, ma c'è dell'altro, che naturalmente verrà fuori piano piano, i due in realtà sono fratelli nati da una famiglia che ha praticato per diverse generazioni l'incesto, e sono completamente pazzi.
La storia è raccontata attraverso gli occhi innocenti di un bambino di colore che chiamano il matto, la cui famiglia è stata da poco sfrattata dalla coppia di pazzi scatenati, il bambino conoscerà Alice, quella che per loro sarebbe la figlia perfetta, cosa che hanno cercato anche con i ragazzi che hanno rapito e che hanno scartato una volta che si sono accorti che non erano come volevano loro, chiudendoli nella cantina, il matto scopre questo e scopre anche di più, un altro ragazzo a cui è stata tagliata la lingua, che sarà fondamentale per risolvere il problema e liberare i ragazzi rinchiusi in cantina insieme ad Alice, e dopo giorni che nessuno aveva notizie del matto anche la sua famiglia si mette a cercarlo meglio.
Un horror ben fatto, che ha nell'interpretazione di McGill e la Roby la punta di diamante, infatti i due attori sono bravissimi e interpretano i fratelli pazzi in maniera tanto convincente da risultare credibili, Wes Craven ci mette il suo talento e ne esce un piccolo cult movie che non sfigurerebbe in una collezione di appassionati di film horror, un gradino più in su di sotto shock che presto verrà recensito e un repentino allontanamento da Freddie Krueger che come mostro horror è stata un icona negli anni ottanta, qui Craven si allontana da icone, e mode dirigendo un opera sincera che conquista.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


6 commenti:

  1. Un film troppo poco conosciuto, ma che in realtà è molto più solido ed inquietante di moltissimi altri.
    Una favola nera davvero ben riuscita.

    RispondiElimina
  2. Visto parecchio tempo fa con una amica. Ricordo che fece ad entrambe parecchia paura.

    RispondiElimina
  3. si è parecchio inquietante come film ^^

    RispondiElimina
  4. Qualcuno li ricorda in Twin Peaks? Erano Ed e Nadine Hurley.


    E chi se li scorda? *__*
    Ho amato Twin Peaks e l'amerò sempre, come amerò sempre anche questo particolarissimo film che, per fortuna, sono riuscita a recuperare anche in DVD. Il mio teSSoroo!!

    RispondiElimina
  5. si è un horror particolare, un gioiellino, una delle migliori pellicole di Craven :)

    RispondiElimina

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...