Passa ai contenuti principali

Tomboy

Il cinema francese, ha sempre guardato con occhio sincero all'infanzia, sin dai tempi di Truffaut che con il suo I Quattrocento Colpi segnava la rivoluzione cinematografica e l'inizio della nouvelle vague, Céline Sciamma, invece non fa rivoluzioni, ma racconta semplicemente la storia di una bambina che potremmo definire un maschiaccio in tutto e per tutto, sta con i maschi, gioca a calcio con loro e ruba il cuore di una amichetta vicina di casa, la bambina in questione, Laure, si sente un maschio, sente che la femminilità non le appartiene, si sente estranea in quel corpo di bambina, perciò si veste come un bambino, si pettina come un bambino e gioca anche come un bambino e si cambia persino nome Michel, è una bambina alla ricerca della sua identità sessuale, nel pieno dell'adolescenza in cui ci sono tante incertezze e poce certezze, e la Sciamma sembra sottolineare questo aspetto con una delicatezza e una dolcezza senza pari, non c'è nulla di scabroso, non c'è nulla di ambiguo, solo una bambina alla ricerca della sua identità.
Il film girato quasi come fosse un film dogma ma piuttosto alla lontana, privo di colonna sonora di sottofondo, è un viaggio realistico verso la coscienza di se, senza ambiguità, inutili ipocrisie, dimostrando una sensibilità che riesce a conquistare, non sono molti i film che lasciano uno spazio profondo nel cuore degli animi delle persone, Tomboy è uno di questi.
Non è un capolavoro, ma fa riflettere, che spesso le cose non appaiono soltanto di due colori, ma esistono varie varianti, e in queste varianti che si incammina la piccola Laure, anche quando si scopre che è una bambina e non un bambino come hanno sempre saputo, alla fine lo spettatore riesce ad immedesimarsi in lei riuscendo a percepire il suo dolore, avvolte l'unico modo per ritrovare se stessi è riuscire ad essere tolleranti, perchè la vita è un viaggio dentro se stessi, per scoprirsi giorno dopo giorno, e nessuno meglio di noi stessi possiamo ritrovare la strada che ci identifica.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE


Commenti

  1. Come dicevamo dalle mie parti, un'opera leggera e ben narrata, che seppur non raggiungendo chissà quali vette riesce ad arrivare al cuore dello spettatore.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.