Passa ai contenuti principali

Never Back Down

Dopo essere stato espulso dalla scuola per una maxirissa durante una partita di footbal, per colpa di un giocatore che l'ha provocato, per la morte del padre, Jake Tyler, cambia scuola e soprattutto città, ad un certo punto assiste a un combattimento illegale di un gruppo di ragazzi capeggiati da Ryan  McCarty, un tipo piuttosto violento, Jake lo sfida senza successo, ben presto entrerà nelle grazie di Baja Miller, ormai quasi ex di Ryan con cui instaurerà una love story.
L'incontro/scontro con Ryan lo convince che deve partecipare alle gare di combattimento, se contro Ryan ha perso gli serve un maestro, un insegnante che gli insegni quello che c'è da imparare, allora comincia ad andare in palestra, ma c'è un problema, l'allenatore non vuole combattimenti illegali...
Un film d'azione veramente ben fatto, può sembrare palloso sdolcinato, ma non lo è, Jeff Waldolf dirige un cast di giovani attori costruendo un opera cinematograficamente interessante e coinvolgente, ma è il personaggio di Jake il punto cardine della storia, che narra senza giri di parole la rabbia inespressa di un giovane teenager e il dolore per la morte del padre, che non riesce ad esprimerlo se non attraverso la lotta, ma non si tratta di pura aggressione, ma forse della ricerca interiore che tutti facciamo nella nostra vita, una ricerca di se, delle emozioni inespresse o dei dolori che ci portiamo dentro, alla fine grazie all'amore di Baja, lo convince che la cosa più importante nella vita è credere in se stessi ma soprattutto credere nelle persone che ci stanno accanto, perchè sono loro che ci danno la forza di andare avanti, nonostante il dolore, Sean Faris nel ruolo di Jake ci sta benissimo e gli calza proprio a pennello, Cam Gigandet, nel ruolo di cattivo un po' bastardo fa il suo buon lavoro, altrettanto brava la ragazza Amber Heard nel ruolo di Baja.
In conclusione un film onesto piacevole da guardare ma soprattutto coinvolgente.
DA COLLEZIONARE.





Commenti

  1. guardabile, ma niente di eccezionale.
    a parte amber heard, lei sì sempre eccezionale :)

    RispondiElimina
  2. si è molto carina, io l'ho trovato coinvolgente più che altro :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.