Passa ai contenuti principali

Le colline hanno gli occhi 2

Secondo capitolo de Le colline hanno gli occhi, un po' meno terrificante del primo capitolo che è e rimane migliore di questo, ma dopo Nightmare, Wes Craven dirige il suo primo sequel, che comincia proprio come un incubo, solo che non ci sono i protagonisti del primo capitolo, ormai quasi tutti deceduti, è presente solo Bobby che dovrebbe prender parte a una gara di motociclisti proprio nel luogo dove è morta tutta la sua famiglia tranne sua sorella e la bambina che ha rischiato di finire in pasto alla famiglia di Cannibbali, di cui Ruby è riuscita a scappare da quel luogo e con una nuova identità accompagna il gruppo di giovani, che prende quasi con leggerezza l'accaduto di tanti anni prima scherzandoci su, ma quando si trova faccia a faccia con il nemico allora le cose cambiano e i giochi si fanno più pericolosi.
Film girato per rinverdire la saga della famiglia che vive nel deserto degli esprimenti atomici un po' sottotono rispetto al primo capitolo che riusciva anche a provocare lo spettatore, qui invece non avviene niente di che, solo la paura di chi vive oltre la collina, non c'è l'efferatezza del primo capitolo nulla, c'è solo la spavalderia iniziale dei nostri amici che devono vedersela coi mostri per poter sopravvivere, il film è salvato da un ottimo incipt che preannuncia i timori di Bobby (il protagonista del primo capitolo) e il trauma subito da quella esperienza, si notano scene del primo capitolo, poi il film deraglia su un altra strada, facendone un classico horror senza troppe pretese, nè tanti sconvolgimenti, qualche lotta, qualche accanimento e qualche morto, poi basta ovviamente non è terrificante come il primo capitolo.
Wes Craven gioca con lo spettatore a tirare la palla, ma non va mai al sodo dei fatti, è come se avesse paura ad andare fino infondo, ma  è un horror, dacci dentro che aspetti?
Di certo resta ugualmente un film interessante e accattivante il che non guasta mai.
DA COLLEZZIONARE.




Commenti

  1. Sì, inferiore, ha perso parte di quella verve "sporca".
    Sono curioso di sapere, se ne parlerai, cosa ne pensi di "Il serpente e l'arcobaleno", uno dei miei Craven preferiti. :)

    RispondiElimina
  2. si l'ho recensito e mi è piaciuto molto :)

    RispondiElimina
  3. Ah, mi era scappato, pensavo fosse in ordine cronologico!
    Vado a leggere! :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.