Passa ai contenuti principali

Sono il numero 4

un ragazzo, che sembra un essere normale ma in realtà è un alieno, vive sulla terra dopo che la sua specie è stata estinta da altri alieni i Mogadoriani, che gli danno la caccia essendo il numero 4 della loro lista il prossimo a morire è lui, con l'aiuto di Henri, riesce a celarsi con l'identità di John Smith, e a scoprire vari poteri, che dapprima lo aiutano a salvare la ragazza di cui si è innamorato da alcuni bulli, e poi a scoprire altri giovani che come lui sono presenti nella lista...
DJ Caruso dirige un film di fantascienza per accattivarsi il pubblico dei più giovani, ma è l'opera stanca di un autore che si trova a disagio con il genere, infatti la regia è piatta e poco espansiva, e ne appesantiscono la visione, il cast di attori cerca di dare il meglio di se, ma è troppo poco per reggere un film di questa portata, dato che non è supportato dal regista, che si limita a filmare senza dare un anima alla sua opera, è come se lui avesse buttato la pietra ma non riesce ad osare di più, di certo non è Spielberg e si nota, il progetto è ambizioso, ma forse questa non basta per farne un opera intrigante, manca il ritmo, l'emozione e soprattutto l'azione, nelle poche scene d'azione che ci sono si nota una certa costruzione programmatica, come se tutto dovesse andare come programmato, non c'è spontaneità, non c'è gusto, sembra un prodotto impacchettato a puntino, preparato per essere mandato in sala e incassare, ma questo è troppo poco, bisogna osare di più, non limitarsi a concepire un opera solo per portarla in sala, bisogna anche rifiutare copioni che non sentiamo nostri, qui Caruso accetta di dirigere un compitino e lo fa di tutto punto, senza personalizzare nulla, basta.
Un consiglio, se volete vedere i veri film di fantascienza se amate il genere andate a guardare Lucas o Spielberg, e lasciate perdere sono il numero 4.
DA EVITARE...



Commenti

  1. film decisamente inutile, comunque si fa vedere..

    RispondiElimina
  2. eh insomma qualche scena accattivante c'è ma è troppo poco :(

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Ro.Go.Pa.G

Un film collettivo, che racchiude 4 episodi, non sono male, ma io personalmente, ho preferito gli ultimi due, sono ben girati e in particolare quello di Pier Paolo Pasolini è il migliore di questo film, in cui 4 dei maggiori cineasti degli anni sessanta, si riuniscono, non c'è nessun legame tra un film e l'altro, che in realtà sono 4 cortometraggi uniti.
L'illibatezza di Roberto Rossellini, Il Nuovo Mondo di Godard, La Ricotta di Pasolini, e infine Il Pollo Ruspante di Gregoretti.
I quattro cortometraggi compongono questo film collettivo e uniscono 4 dei più importanti cineasti del tempo, il mio preferito resta La Ricotta, sorta di commedia che ricorda molto le comiche ai tempi del muto con udite udite anche il grande Orson Welles nel ruolo del regista.
Film che è stato sequestrato dalla magistratura e processato per "Vilipendio alla Religione", ma noi italiani siamo sempre stati così bacchettoni? No perché una cosa del genere sarebbe da spanciarsi dalle risate e…

Aquaman

Dimensione extralarge per Aquaman, credevate che non lo recensivo? Vi sbagliate, ecco a voi la rece del film con quel gran bel fusto di Jason Momoa.