Passa ai contenuti principali

Scream 3

Capitolo minore che chiude la prima trilogia di Scream, come dico io squadra vincente non si cambia, soprattutto quando si tratta di chi ha creato la serie Kevin Williamson, che lascia il posto a un altro sceneggiatore Heren Krueger, che dimostra di non dare anima e spessore ai personaggi, e di essere fuori strada riguardo alla serie e al suo significato, quello che salva il film dal baratro è la regia di Craven, che non lascia la sua cabina - anche se aveva detto che non lo dirigeva se non gli facevano dirigere la musica del cuore - ed eccocci qui, ecco il capitolo conclusivo della serie - almeno della prima - la tensione c'è ma manca lo spessore, si fa sentire pesantemente la mancanza di Williamson nella sceneggiatura, trasformando i protagonisti delle repliche dei fenomenali due episodi precedenti e questo è già di per se uno dei limiti del film, un altro dei limiti è ambientare il tutto in un set cinematografico e scoprire scheletri nell'armadio della madre di Sidney, la cosa peggiore è che si fa la parodia di un altra grande saga Nightmare - ma cosa centra mai - soprattutto nella scena del sogno di Sidney, che sogna sua madre, che poi sarà la chiave della soluzione, piuttosto scontata direi e molto lontana dalle geniali ingenzioni di Williamson.
Però stavolta sarà anche la polizia a collaborare per la cattura del colpevole, che sarà legato a Sidney non solo sul piano della storia, ma sarà legato al segreto di sua madre che si scoprirà alla fine.
Effettivamente c'è troppa carne al fuoco per farne una pellicola interessante, ci sono poche idee, insomma un buco nell'acqua che non aggiunge altro alla serie, e nemmeno alla filmografia di Craven.
Ma d'altronde è preconfezionato forse per avvicinarlo di più al pubblico dei teenager ingordi di film horror senza però toccare le vette del passato.


Commenti

Posta un commento

Moderazione rimessa, NO SPAM

Post popolari in questo blog

Nightmare Alley - La Fiera delle Illusioni

  C'è chi con le illusioni ci campa una vita intera... C'è chi usa le illusioni per scopi personali... C'è chi usa le illusioni per giocare con le vite altrui... Dobbiamo renderci conto che questo film, pur essendo un remake, è girato maledettamente bene, forse non è perfetto, ma è buono, e questo basta e avanza per guardarlo. Un film dove Cate Blanchett fa la cattiva non si può perdere, affatto. Alla regia abbiamo quel grandissimo regista che risponde al nome di Guillermo del Toro , da me amatissimo, sin dalla prima volta che vidi  Mimic , in cui recita anche il nostro Giancarlo Giannini , ma è con  Il Labirinto del Fauno , che è entrato nella rosa dei miei registi preferiti, e da allora ho sempre cercato di guardarli i suoi film. Non sono tutti presenti alla fabbrica, ma vi assicuro che ben presto arriveranno, e questa è una mia promessa. Nightmare Alley  si allontana dal genere fantastico che di solito dirige, e così Del Toro  firma un Noir , all'inizio ambientato in

Pretty Little Liars - Stagione 6

  Serie perfetta per un Guilty Pleasure, però stavolta vorrei fare una seria recensione, per quanto mi è possibile. Non ho mai nascosto che Pretty Little Liars mi diverte, però alla lunga che noia... E' sempre la solita storia che si ripete, annata dopo annata senza mai arrivare a un punto. Dopo lo smascheramento di A da parte delle Liars, eccone spuntare un altra, spuntano come funghi, la storia è divisa tra quando vengono imprigionate da A, che poi sarebbe Charles Di Laurentiis  diventato Charlotte Di Laurentiis , e questi gioca con loro, finalmente si scopre chi è che perseguita le cinque amiche, Charlotte viene imprigionata e passano cinque anni...e un nuovo stalker ricomincia la tiritera, perché vuole l'assassino di Charlotte . Ok, credo che a volte è meglio fare poche stagioni ma buone, che tante per allungare il sugo senza alcun motivo. Perché sembra che sia una serie dejavù, dove le cinque protagoniste vengono perseguitate in continuazione, al loro posto sarei andata in

#LaPromessa2022 - A Hidden Life - Una Vita Nascosta

 Questa è la storia di un uomo coraggioso, Franz Jagerstratter che non si è piegato davanti a Hitler , e ha tenuto fede alla sua parole fino in fondo, arrivando persino ad essere condannato a morte e impiccato, perché? Perchè doveva giurare fedeltà a quel bastardo di Hitler, di conseguenza si è rifiutato di arruolarsi nel suo esercito. Le conseguenze arrivano dai vicini e abitanti del villaggio dove sua moglie e le sue figlie vengono trattate come appestate, ma lui non cede e manda avanti la sua scelta per le sue convinzioni cattoliche, per via della sua coscienza, e del mondo intorno a lui, dove si accorge che il terzo reich è sbagliato e allora decide di non fare quello che fanno tutti, arruolarsi e giurare fedeltà al dittatore nazista. Anche sua moglie si accorge che il marito ha ragione, e decide di appoggiarlo, nonostante le conseguenze, nonostante lo sprezzo degli abitanti del villaggio, lui è coerente con la sua scelta. Morirà sul patibolo, ma diventerà beato grazie a Papa Bene