Passa ai contenuti principali

Ninfa Plebea

E ora un film che possiamo definire un mio Guilty Pleasures, tratto dall'omonimo romanzo di Domenico Rea, la traduzione per lo schermo è stata curata da Lina Wertmuller, che racconta la storia di Miluzza, una adolescente come tante alle prese con i primi ardori femminili e la scoperta del proprio corpo.
Miluzza vive con i genitori, ma è l'esuberante madre, che si diverte a scoparsi i giovani del posto a segnare quello che si direbbe il suo destino.
Una volta morta sua madre, va a lavorare in una fabbrica e viene sedotta e abbandonata da proprietario, che con la scusa se la porta a Ravello, per una gita romantica dicendo ai genitori che dovevano fare un viaggio di lavoro, fattostà che la ragazza perde la sua verginità, che lui quasi la aggredisce, e con tutto questo fardello, al suo ritorno trova il padre morto, ed è proprio il suo capo che pagherà il funerale per il padre.
Presto le voci di paese cominciano a girare e se non fosse per il nonno, pure una banda di teppisti si sarebbe approfittata di lei.
Siamo in periodo di guerra e si sa che le cose allora erano più difficili, ma Miluzza non sarà poi così sfortunata, sulla sua strada incontrerà un bravo giovane che capirà il tutto, ma innamorato di lei, la sposerà comunque, perchè la ragazza gli ha salvato la vita, lo ha curato e gli ha dato da mangiare quando era ferito e stava male, vedendo questo il giovane passa sopra a tutto quanto, se non fosse per la mamma che ci tiene a certe cose...

Non sono molti i film di Lina Wertmuller che ho visto, ma questo nonostante non sia un capolavoro e l'origine del soggetto è letteraria, mi piace molto.
Si mi piace perchè pur non rispecchiando la provocazione del romanzo - che non ho letto ma di cui ho sentito parlare e ne ho letto qualche articolo - la storia è molto toccante.
Mi piace perchè racchiude in se il viaggio di una piccola donna, che cresciuta troppo in fretta deve capire che è finito il tempo di giocare con le bambole e che ormai è cresciuta, la via cambia per tutti, anche per lei, nonostante sia ancora innocente e fiduciosa, deve capire che non ci si può fidare delle persone, che nel momento opportuno possono approfittare di te, il mondo è pieno di gente cattiva, pronta pure a distruggerti.
Ma fortunatamente il vero amore busserà alla sua porta, conoscerà un bravo ragazzo che nonostante non sia più vergine, perchè quel farabutto se l'è fatta con una scusa, e lei non è stato in grado di scegliere e capire cosa stava facendo, perchè gli si è avventato addosso, la sposerà ugualmente, anche se deve superare la barriera bigotta della futura suocera, che ci tiene a una nuora vergine e pura per suo figlio, non che questo sia sbagliato, ma nella vita bisogna anche capire che una donna non è solo verginità, che si può essere brave persone pur non essendolo più.
Ma a quei tempi certe cose si dovevano rispettare...stop!!!!
Era la regola, regola di un paese bigotto come l'italia, doveva seguire, ma fortunatamente i giovani hanno sempre larghe vedute.
E questa volta il voto non lo metto, perchè per certi film è meglio la libera visione che un voto di pagella.
Vi piacerà o vi lascierà indifferenti, a seconda della sensibilità.



Commenti

  1. Molto bello e toccante questo film....qualcuno sa che fine ha fatto l'attrice che ha interpretato Miluzza, Lucia Cara?

    RispondiElimina
  2. L'ho visto soltanto ieri sera per la prima volta e mi è piaciuto davvero moltissimo!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Masters of Sex - Stagione 1

Si, dovevo recensirla ieri, ma purtroppo non ho avuto tempo, perchè dovevo visionare diversi film che recensirò in questi giorni.
Andiamo al punto: su cosa si basa Masters of Sex?
Nulla di pruriginoso ve lo assicuro io, la serie tv è basata sulle ricerche del dottor William Masters, le cui scoperte nei suoi esperimenti hanno rivoluzionato il mondo della medicina.
La serie è ambientata verso la fine degli anni cinquanta, e le scoperte innovative del dottor Masters, che studia in maniera meticolosa i comportamenti sessuali degli esseri umani mi hanno a dir poco conquistata.
Peccato che è composta solamente da quattro stagioni, comunque per me ha un potenziale pazzesco, che include anche qualcosa di unico e originale nel panorama televisivo recente, e ci vogliono serie tv come queste al giorno d'oggi, e sono anche piuttosto interessanti.
Dobbiamo dire però che la ricerca compiuta dal dottor Masters, è realmente accaduta, e il telefilm si basa sulla biografia di Thomas Maier sullo sc…