Passa ai contenuti principali

Magnifica Presenza

Ed ecco un altro film italiano recensito, lo devo dire, ci sono autori interessanti tutti da scoprire, attori da tenere in considerazione, ma che per uno strano pregiudizio non vengono presi come meriterebbero.
Nel caso di Magnifica Presenza, abbiamo un film che omaggia il teatro, le maschere della vita che vengono giù, e la capacità di vedere oltre quello che vedono gli altri, un lavoro interessante diretto da un autore tra i più talentuosi che abbiamo in italia, Ferzan Ozpeteck, che proprio italiano non è, ma lavora in italia, e ha sempre fatto film interessanti, in questo film mette al centro quasi come fosse un  opera di Woody Allen, di cui ha tratto ispirazione e si vede dalla prima all'ultima scena.
Si tratta sicuramente di uno dei migliori film del regista italoturco, condito da una sottile ironia, e una intelligente costruzione, con dialogi vivaci e brillanti e una regia eccitante e sorprendentemente acuta.
Un film spensierato potremo definirlo, e per via della sua brillante messa in scena che il film spicca nella sua originalità, e ci vuole una sferzata d'aria fresca ogni tanto non credete?
Bello, anche l'accostamento tra il teatro e la vita, tra i fantasmi e i vivi, che si fanno vedere per togliere una antica maledizione di cui sono state vittime prima di perdere la vita, e allo stesso tempo aiutano pietro, il protagonista del film a trovare il coraggio di seguire i propri sogni, e solo lui che riesce a vederli sarà in grado di scoprire la verità sulla loro dipartita.
Un film denso di significati, che mette d'accordo sia il pubblico normale, sia il pubblico dal palato fine, in una parola un piccolo oggettino di culto che merita un posto nella vostra collezione, il che per un film italiano è un complimento che gli calza a pennello.
Non sono molti i film italiani meritevoli di tale attenzione, il cast degli attori riunisce i migliori nomi del panorama italiano, da Elio Germano, a Giuseppe Fiorello; da Margherita Buy la nostra migliore attrice sulla piazza, a Vittoria Puccini, insomma, già per questi nomi scommetto che vi è venuta l'acquolina in bocca dico bene?
Che aspettate a guardarlo?
Voto: 7


Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.