Passa ai contenuti principali

Blue Jasmine

Che cosa succede quando Woody Allen incontra Cate Blanchett? Eccovelo svelato, in un film che rispetto al precedente è una manna dal cielo.
Smessi i panni italioti Woody Allen ritorna il maestro incontrastato della commedia, e dirige la nostra Cate, in una commedia in cui lei stessa si identifica con il pensiero e la filosofia del regista americano.
La trama è complessa, finalmente direi, e si torna alle tematiche tanto care ad Allen, risultato è un film fresco e intrigante oserei dire anche piacevole, il che è un complimento.
Per una volta Woody Allen è ispirato e dirige un film senza preoccuparsi di voler piacere per forza al pubblico, e i risultati si vedono ampiamente.

Il segreto della riuscita del film? La freschezza ma soprattutto la semplicità, eliminati i fasti sboroni della pellicola precedente piuttosto trascurabile e dimenticabile, si torna a un film ben fatto, ben diretto e soprattutto ispirato, come ho detto precedentemente, la protagonista stavolta è la bravissima Cate Blanchett, che si trova benissimo nel film alleniano, quasi come fosse una nuova musa, o meglio alter ego femminile del regista stesso, che è nascosto dentro il suo personaggio.
I momenti migliori? Più di uno, grazie a una sceneggiatura molto curata e una particolare attenzione alla caratterizzazione dei personaggi.
Un film ottimo, che evita superficialità e si concentra molto sui personaggi, come nelle migliori pellicole del regista americano, ma questa volta sa regalare sensazioni positive, e dopo un sacco di pellicole girate, vorrei vedere se non è capace di stupire il pubblico il grande Woody.
E in questo film ce la fa, e riesce a comunicare anche con semplici gesti e parole, il che fa si che il film parli da solo, e riscuote interesse tra gli aficionados che sono rimasti delusi dalla pellicola all'italiana ovvero To Rome With Love.
Che Allen voglia riconquistare il suo pubblico lo si percepisce già dall'inizio, questa volta ha deciso di fare le cose per bene e si comprende dalla cura con cui ha diretto il film.
Cate Blanchett è bravissima, e il film merita di essere visto anche per la sua presenza, certo non si tratta di un capolavoro, ma si capisce molto bene che è un ottimo film.
Al centro una donna, Jasmine che deve convivere dalla sorella perchè è nei guai per colpa dell'ex marito, il nuovo marito ha un altra e lei si innamora di un altro ancora...siamo ai soliti temi alleniani sentimentali, i personaggi si trovano tutti davanti a un bivio da percorrere, quale strada sceglieranno?
Voto: 7


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.