Passa ai contenuti principali

Tulpa - Perdizioni mortali

C'era una grande attesa per questo film, soprattutto dopo la visione della sorprendente opera seconda Shadows che mi aveva fatto venire i luccichii agli occhi, ebbene con tutte le trepidazioni del caso, alla visione devo dire che mi aspettavo molto di più.
Si perchè Federico Zampaglione, già leader del gruppo musicale dei tiromancino, è approdato al cinema sia grazie alla relazione con Claudia Gerini, sia perchè ha dimostrato con l'opera sopracitata di saperci fare, ma l'attesa e le aspettative questa volta sono state più alte del dovuto, e con tutto questo devo dire  che la delusione è stata cocente, molto cocente, scene prolungate all'infinito, che allungano il sugo in maniera fin troppo elaborata, eliminando ogni sprazzo di tensione, Claudia Gerini, qui di nuovo protagonista, dopo Nero Bifamiliare - opera prima di zampaglione, che ho visto ma non mi ha lasciato nulla di memorabile - nei panni di una manager che pensa solo al lavoro e si "sfoga" in un club per scambisti particolare, il Tulpa.

Qui la nostra eroina sfoga tutte le sue voglie carnali per colmare la mancanza di una famiglia, un marito e dei figli, e qui si presupponeva qualcosa di scabroso, e invece le scene che dovevano essere il culmine del film sono acqua fresca, non c'è uno sprizzo di eccitazione, o provocazione, nulla.
Peccato perchè il soggetto è molto interessante, la regia molto curata - fin troppo - qui Zampaglione doveva lasciarsi andare, nel vero senso della parola, e aver fiducia nelle sue qualità, come è successo con il precedente film, Shadows che vi consiglio perchè è incredibile, e resta il suo esperimento cinematografico di gran lunga migliore.
La parte migliore del film? La costruzione di questo giallo, e soprattutto la struttura, che nonostante i tempi dilatati, sarebbe stato meglio se fosse stato curato maggiormente, tenendo in primo piano la psicologia di questa donna, curandola di più, sarebbe venuto fuori un film veramente interessante, forse anche un capolavoro perchè no?
Zampaglione, comunque resta un autore interessante, perchè nonostante i difetti, sa tenere alta la corda dello spettatore, con alcuni artifizi intelligenti, non si capisce chi è l'assassino fino alla fine, e qui la sua mano è sorprendente, e peculiare per così dire.
In sostanza un film che poteva essere grandissimo, girato da un autore che vuole far rinascere il genere, ma che sarebbe stato meglio se fosse stato curato maggiormente.
Voto: 6



Commenti

  1. molto diludendo. e sono uno che, riguardo i primi due, ha più o meno la tua stessa opinione

    RispondiElimina
  2. non l'ho ancora visto, ma mi sa che me lo risparmio...

    RispondiElimina
  3. ma solo io prefersico questo validissimo giallo cos' squisitamente 70's a Shadows????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Shadows rispetto a questo è molto meglio :)

      Elimina
  4. che bello condividere le opinioni :D

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Riguarda & Recensisci - Planet of The Apes

Riguarda & Recensisci

Penultimo appuntamento con lo special di Tim Burton legato alla rubrica Riguarda & Recensisci, che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, tra due settimane dovrebbe cominciare quello dedicato al grandissimo Stanley Kubrick, forse addirittura spostato di Venerdì o domenica per cineclassics, dato che la rassegna dedicata a Orson Welles è ormai agli sgoccioli.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.