Passa ai contenuti principali

Il papà di Giovanna

E Pupi Avati, autore molto stimato da queste parti è presente oggi con un altro film qui alla fabbrica dei sogni, Il papà di Giovanna, un bel film devo dire, che riporta il regista a Bologna per una storia ambientata negli anni trenta incentrata sul rapporto tra padre e figlia, una figlia un po' problematica che non ha un rapporto con la madre che la mal sopporta, i problemi cominciano quando una ragazza muore e arrestano Giovanna, colpevole dell'omicidio per colpa di un ragazzo, è il padre che si occuperà di lei e si prenderà cura della ragazza fino a farla uscire, ma la vita non sarà più la stessa perchè nel frattempo la madre è andata a vivere con un altro uomo.

Un altro film curioso e straordinario per un regista che piano piano si è fatto strada e chissà che un giorno non troverà posto tra i grandi registi che mi hanno conquistata, e qui devo dire che riesce nel suo intento di aumentare la stima negli spettatori e ci riesce in pieno, grazie a una regia sapientemente intelligente e misurata, e all'interpretazione dei due protagonisti, Francesca neri nonostante il suo personaggio antipatico riesce nell'intento di sottolineare la sua superficialità, Silvio Orlando attore Morettiano per eccellenza interpreta il ruolo dell'amorevole padre di Giovanna, e infine Alba Rorwacher, a lei il merito di aver reso il suo personaggio di ragazza timida e sensibile che fa grande il film, grandissima la sua interpretazione, e meriterebbe ruoli davvero intriganti questa attrice, il suo ruolo è quello di Giovanna, che sembra uscita dalla gelsomina di giulietta masina, figlia rinnegata da una madre imperfetta e superficiale, di cui lo spettatore più sensibile facilmente si identificherà.
In altre parole, un ottimo film, incredibilmente coinvolgente, che merita di essere visto o riscoperto, un altra scoperta di un regista che film dopo film riesce  a mietere successi e sorprese alla sottoscritta.
Consigliatissimo soprattutto per scoprire sia una giovane attrice promettente, sia per un regista sorprendente capace di raccontare la storia più semplice e apparentemente complessa, facendo uscire tantissime emozioni.
Il che  non è poco eh.
A contornare il tutto ci sono moltissimi attori tra cui Ezio Greggio il conduttore di striscia la notizia, Gianfranco Jannuzzo e Serena Grandi in ruoli di contorno però.
Voto: 8


Commenti

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.