Passa ai contenuti principali

Il papà di Giovanna

E Pupi Avati, autore molto stimato da queste parti è presente oggi con un altro film qui alla fabbrica dei sogni, Il papà di Giovanna, un bel film devo dire, che riporta il regista a Bologna per una storia ambientata negli anni trenta incentrata sul rapporto tra padre e figlia, una figlia un po' problematica che non ha un rapporto con la madre che la mal sopporta, i problemi cominciano quando una ragazza muore e arrestano Giovanna, colpevole dell'omicidio per colpa di un ragazzo, è il padre che si occuperà di lei e si prenderà cura della ragazza fino a farla uscire, ma la vita non sarà più la stessa perchè nel frattempo la madre è andata a vivere con un altro uomo.

Un altro film curioso e straordinario per un regista che piano piano si è fatto strada e chissà che un giorno non troverà posto tra i grandi registi che mi hanno conquistata, e qui devo dire che riesce nel suo intento di aumentare la stima negli spettatori e ci riesce in pieno, grazie a una regia sapientemente intelligente e misurata, e all'interpretazione dei due protagonisti, Francesca neri nonostante il suo personaggio antipatico riesce nell'intento di sottolineare la sua superficialità, Silvio Orlando attore Morettiano per eccellenza interpreta il ruolo dell'amorevole padre di Giovanna, e infine Alba Rorwacher, a lei il merito di aver reso il suo personaggio di ragazza timida e sensibile che fa grande il film, grandissima la sua interpretazione, e meriterebbe ruoli davvero intriganti questa attrice, il suo ruolo è quello di Giovanna, che sembra uscita dalla gelsomina di giulietta masina, figlia rinnegata da una madre imperfetta e superficiale, di cui lo spettatore più sensibile facilmente si identificherà.
In altre parole, un ottimo film, incredibilmente coinvolgente, che merita di essere visto o riscoperto, un altra scoperta di un regista che film dopo film riesce  a mietere successi e sorprese alla sottoscritta.
Consigliatissimo soprattutto per scoprire sia una giovane attrice promettente, sia per un regista sorprendente capace di raccontare la storia più semplice e apparentemente complessa, facendo uscire tantissime emozioni.
Il che  non è poco eh.
A contornare il tutto ci sono moltissimi attori tra cui Ezio Greggio il conduttore di striscia la notizia, Gianfranco Jannuzzo e Serena Grandi in ruoli di contorno però.
Voto: 8


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.