Passa ai contenuti principali

Doom generation

Seconda recensione oggi, ecco che ho scelto di parlare di Doom Generation.
Protagonisti tre ragazzi, che lasciano una scia di cadaveri intorno a loro, in un viaggio mefistofelico attraverso l'america.

Assurdo, grottesto, iper realista, su questo film si può dire di tutto e di più.
Violento fino all'invero simile, a seconda dei gusti, un viaggio catartico dentro un inferno invisibile, dove succede di tutto e di più.
Il primo film eterosessuale di Gregg Araki, così diceva la pubblicità introduttiva ho scelto di vedere questo film per caso, grazie al suggerimento di un amico che mi ha consigliato di vederlo, così mi sono buttata.
Devo dire che mi è piaciuto, anche se sinceramente non me lo aspettavo così sconvolgente, comunque sia ha sottolineato la completa metamorfosi di tre ragazzi, che sembrano usciti da un cartone animato, per approdare nel più oscuro degli incubi.
Questa è l'america ragazzi, quella decantata dal regista indipendente Gregg Araki è l'incarnazione di un sogno e il canto del più oscuro degli incubi.
Parodia del sogno americano, fatto di soldi, di successo e altro ancora, dove la violenza è sempre presente, in cui tutti possono abbracciare un fucile, e il male è visto come uno strumento per proteggersi, sottovalutando che il male distrugge.

Se avete il palato fine lasciate perdere questo film, potrebbe disgustarvi.
Se al contrario non avete problemi con scene di violenza, e sesso e affini, allora gustatevelo pure, ma attenzione, Araki non è Tarantino, anche se per le scene potreste pensarlo, il film si distanzia parecchio dalle opere del regista americano.
Primo perchè mette in scena una femmina cazzuta, qui interpretata da Rose McGowan al debutto, poi perchè c'è il triangolo amoroso tra i tre protagonisti, come se jules e jim avesse incontrato arancia meccanica in un trip allucinato e perverso, no, peggio di arancia meccanica, tanto per fare un esempio...
Così dopo la visione di questo film mi convinco che non è una boiata, anche se all'inizio può sembrarlo, mi è piaciuto parecchio devo dire.
Gregg  Araki sa come andare a parare, e parla apertamente, facendo una critica aperta e spudorata, all'america ben pensante, un inferno infagottato di fiocchetti, dove le brave persone sono quelle più pericolose, e i tre ragazzi coinvolti in questa baraonda violentissima, sembrano più veri di tutti quelli che gli stanno intorno.
Voto: 8


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.