Passa ai contenuti principali

Le Lacrime amare di Petra Von Kant

Capolavoro immenso, unico tratto dall'omonimo dramma teatrale dello stesso Fassbinder, che ha ridotto per lo schermo cinematografico rispetto all'opera teatrale.
In scena abbiamo una stilista, disillusa dalla vita, moglie tradita e lasciata da un marito per un altra donna, comincia la relazione con l'amica di una sua amica, ma è un amore difficile, tormentato...soprattutto perchè la donna che ama è egoista e volubile.
Finirà peggio di come è cominciata.

Un film bellissimo, per me uno dei capolavori di Rainer Werner Fassbinder, regista tedesco che apprezzo molto, e che nonostante tutto sto cercando di dargli parecchio spazio alla fabbrica dall'anno scorso.
Tra poco comincieranno le visioni frenetiche di film, anzi, credo che siano già cominciate, e tornerà anche lui come tutti quelli cominciati l'anno scorso con la mia mitica cinemateque privata.
Tornando al film, WOW, si rimane senza fiato nel constatare la grandezza di quest'opera, soprattutto perchè è recitato da donne, non c'è un solo uomo che si vede, e per tutto il tempo quasi, da Margit Carstensen e Hanna Shygulla, tranne altre attrici che fanno da comprimarie e che appaiono per poco tempo.

Un film imperdibile, difficile dimenticarlo una volta che l'hai visto, anche perchè Fassbinder, che era un maestro nel disegnare la psicologia femminile, e con questo film lo dimostra in tutti i modi possibili e immaginabili, presentando due donne dalla forte personalità, che stabiliscono un rapporto difficile e sofferto, inscenando la classica lotta al gatto col topo, finchè una non si mangerà l'altra, scatenando la sua fragilità, lasciandola devastata e sull'orlo del suicidio.
Anche con questo film Fassbinder dimostra l'impossibilità dei rapporti d'amore nel trovare una stabilità emotiva e la felicità.
Protagoniste due attrici straordinarie sopra elencate, Margit Carstensen e Hanna Shygulla, la prima la ritroveremo l'anno dopo nel bellissimo e tragico Martha, la seconda sarà protagonista di altre opere del grande regista tedesco e non solo.
Magistrale.
Voto: 10


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.