Passa ai contenuti principali

Pasolini

E così anche io mi accingo a recensire l'ultima opera di Abel Ferrara.
Un film intimista, ambientato nell'ultimo giorno di vita del grande regista e poeta italiano, da me ammiratissimo per tanti motivi.
Protagonista è il grandissimo Willem Dafoe che si è praticamente trasformato in Pasolini.

Questa non è una biografia, è un film che parla di un uomo che sta vivendo le ultime ore della sua vita, e sta preparando la stesura del suo prossimo film.
Il film scorre lento, a tratti può risultare prolisso ma è solo una sensazione; in realtà l'opera viaggia su un binario distante dai tanti film che parlano di persone reali, allontanandosi dalla biografia, e sottolineando maggiormente la figura dell'uomo.
Un uomo che sta per morire, e che cerca uno spiraglio tra la sua arte, il suo genio e la sua poesia.
Ci sono poi le donne, amiche, confidenti, c'è la madre, c'è il suo mondo e ci sono le persone che sono state insieme a lui, amici, amanti e via dicendo, tutti che si incamminano verso il punto di non ritorno.
Il film sembra una ballata di morte che piano piano si avvia verso l'appuntamento dove non ci sarà più via d'uscita.
Ferrara si distanzia quasi totalmente dal rapportarsi col pubblico, facendo si che sia il pubblico stesso a immergersi nella storia, non vuole empatia, ma comprensione, capire prima di tutto l'uomo, l'artista, poi ciò che lo condurrà verso la sua fine.
Non è certamente un film facile, ci vuole ben più del cercare l'evasione per guardarlo e come dico io bisogna sapere guardare bene un film, prima di saperlo giudicare.
Non so se sia il miglior film di Abel Ferrara, forse sicuramente è quello più controverso per tantissimi motivi, primo tra tutti la capacità di porre un punto di distanza dalla biografia.
Poi c'è forse la narrazione di un autore, che si accinge a fare un ritratto forse un po' nichilista di Pasolini, effettivamente non sappiamo perchè Abel Ferrara ha scelto di rappresentare un film così cupo e inquietante su Pasolini.
Assai più vicino a un requiem che a un esplosione di vita.
La fine di tutto, oltre che della vita, come se dopo la morte del regista tutto sarebbe finito.
Interessante. Voto: 7


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.