Passa ai contenuti principali

the zero theorem

Nuova e tuttora inedita pellicola di Terry Gilliam presentata a venezia nel 2013.
Terry Gilliam non è affatto un tipetto facile, anzi il più delle volte i suoi film bisogna guardarli diverse volte per capirli in fondo.
Quindi il suo cinema è tutt'altro che facile.

Anche questa pellicola fa parte della categoria, una vera e propria summa del cinema di Gilliam concentrato in una storia folle e complessa allo stesso tempo, dentro una società in un futuro dispotico e totalitario, come la maggioranza delle pellicole di questo geniale cineasta, che apprezzo molto, vedere per credere il bellissimo L'esercito delle 12 scimmie, già recensito credo, con Bruce Willis e Brad Pitt.
In questo film nulla è lasciato al caso, e ci vuole pazienza per seguire a fondo questa storia.
Un film che potrebbe essere definito un capolavoro, se solo la distribuzione la smettesse di concentrarsi su opere che sono in realtà macchine per fare soldi e concentrarsi sulla qualità.
Si sa, le cose vanno sempre diversamente.
Come dico sempre io bisogna essere ciechi per non apprezzare un film come questo, io l'ho adorato e certamente fa ormai parte dei miei cult visti l'anno scorso.
La storia si concentra su un uomo che deve ricercare le origini della vita sulla terra attraverso un sistema chiamato the zero theorem, e ha rapporti con degli strani e bizzarri personaggi che lo aiutano nella sua impresa, ovviamente gli ordini arrivano dall'alto del sistema totalitario, riuscirà nella sua impresa?

Com'è The Zero Theorem?
Ve lo dico subito, è un opera folle e visionaria, che racchiude in se tutto il cinema di questo grande cineasta, capolavoro complesso e opera d'arte fuori da ogni schema, che rasenta la perfezione assoluta, e non sto scherzando, spesso i film di Terry Gilliam sembrano artificiosi e inconcludenti, ma è soltanto la superficie in cui si cela la visionarietà cinematografica di un regista capace di fare restare impressa nella memoria ogni singola scena di un suo film.
E non si smentisce neanche con The Zero Theorem, bellissimo, da vedere sicuramente, io ne sono rimasta folgorata e ancora oggi ne ricordo le impressioni positive che mi ha lasciato.
Non fatevelo scappare.
Voto: 9



Commenti

  1. Adoro Gilliam ma questo ancora mi manca. LA tua recensione mi spingerà finalmente a vederlo :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.