Passa ai contenuti principali

Quel che sapeva Maisie

Recensione dedicata a tutti i genitori...specialmente a quelli che sono troppo presi dalla loro vita!
Questa sera ci sarà una recensione particolare.
Una recensione un po' polemica, ma che ricalca alla perfezione lo stato d'animo di una figlia, ovvero me che si è trovata di fronte a un film la cui protagonista è una bambina che viene sballottata dai genitori troppo presi dalla loro vita, per trovare il tempo di occuparsi di lei.
Chi si occupa di lei?
Ma i rispettivi compagni, il fidanzato barista della madre e la fidanzata del padre.
La bambina si sente molto sola e instaurerà un rapporto particolare con i "fidanzati" dei rispettivi genitori.
Saranno loro a occuparsi della bambina, e mentre i genitori passano il loro tempo a lavorare, la bambina capisce che intorno a lei non c'è una famiglia.
Il regista inoltre è bravo a cogliere le sfumature dei sentimenti dei protagonisti.
Julianne Moore è perfetta nel suo ruolo di madre distratta, e ricalca alla perfezione la superficialità del personaggio.
Steve Coogan che interpreta il padre, è un uomo talmente indaffarato da non avere spazio nemmeno per la fidanzata, immaginatevi per la piccola.

Insomma avete capito, non c'è spazio per la piccola Maisie, ma forse il finale le riserverà una inaspettata e piacevole sorpresa...lo volete sapere? Ehehehe, mi dispiace, non ve lo dico!
Sapete che non spoilero mai, comunque sia questo Quel che sapeva Maisie è un film particolare e ben riuscito che descrive la superficialità degli adulti verso i bambini.
Ma sono i bambini, a dimostrare spesso e volentieri di essere più maturi degli adulti.
Il film è la trasposizione del romanzo di Henry James, capace di suscitare una forte empatia, grazie a una sceneggiatura intelligente e una regia puntigliosa, capace di cogliere le mille sfumature dei sentimenti dei protagonisti, bravissima la bambina che interpreta Maisie.
Voto: 7


Commenti

  1. Film massacrata un po' da tutti. Ma a me, pur coi suoi limiti, è piaciuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh io gli ho dato 7, quindi come vedi è piaciuto anche a me ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Cineclassics - Il Dottor Stranamore, ovvero come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba

Riguarda & Recensisci - CineClassics
Terminato lo special di Riguarda & Recensisci dedicato a Tim Burton, ecco che comincia quello dedicato al più grande regista di tutti i tempi, almeno per la sottoscritta, subito dopo il grande Orson Welles. Potevo non recensire i film che ancora non avevo recensito? Può mancare in un blog di cinema che ambisce ad essere il più completo esistente in Italia, un regista come Stanley Kubrick? Assolutamente no. Ed ecco a voi per vostra gioia questo special, a cominciare dai film che avevo visto, fino a recensire gli ultimi due film che mi rimangono da vedere, per completare l'intera filmografia del grande Stanley, che a due anni di distanza da Lolita, gira un film ancora più controverso del precedente.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.