Passa ai contenuti principali

Ma Quando Arrivano Le Ragazze?

Rieccocci con Pupi Avati, in un film sentimentale, con co-protagonista Vittoria Puccini fresca di successo per la fiction Elisa di Rivombrosa.

Film vagamente autobiografico che ripercorre la sua amicizia con il musicista ormai scomparso Lucio Dalla, questa è la storia di due amici, e della donna che in un certo senso si mette tra di loro, sfiorando l'amore, e toccandolo appena.
Gianca e Nick, sono due amici che formano un quintetto jazz, sono giovani e  hanno tantissimi sogni e aspirazioni, ma c'è la passione per la musica che li unisce.
Dopo essersi conosciuti  si uniscono Gianca aiuta Nick con le sue lacune, fino a che il secondo non rivela il suo grande talento, mentre il primo, sceglie la via del compromesso, lavorando con il padre.
Gianca proverà sempre una certa invidia per i traguardi e successi dell'amico Nick, e riguardando la sua vita normale, rimpiange la sua gioventù e i ricordi quando poteva prendere il mondo con una mano.

Non so se questo sia il miglior film di Pupi Avati, ma senza dubbio è il più sincero, autentico e onesto ritratto di un amicizia, unita dalla passione per la musica.
Quando arrivano le ragazze, tema portante del film, è la prima canzone scritta dai due amici ai tempi della band.
La vita chiede sempre dei compromessi, ma i due amici resteranno tali, anche se Gianca prenderà un altra strada dato che con la musica non si campa poi tanto bene e non ha certo il talento che si rivelerà il suo amico Nick.
Un film sofisticato, come le note raffinate del Jazz, e non è solo la storia di una amicizia, ma anche il ritratto di due persone accomunate dalla passione per la musica, e che ritrovano nello spazio di una stagione, una brezza, e una luce che sarà la scintilla per uno e il sogno infranto per l'altro.
Un film forse imperfetto ma da vedere.
Voto: 6 e 1/2


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.