Passa ai contenuti principali

Scream 2

Secondo capitolo della trilogia di Scream, in cui vede la protagonista Sydney all'università che si ritrova ad affrontare ancora una volta la catena di omicidi del killer che si nasconde dietro alla maschera dell'urlo di munch, ed ecco che i giochi ricominciano, l'omicida stavolta è più spietato di prima, e questa volta inizierà il tutto durante la proiezione di Stab film tratto da the Woodsboro Murders di Gale Wheaters che sarà presente al campus per fare la cronaca degli omicidi, come dicevo prima comincia tutto da lì con un omicidio commesso davanti a una folla, al cinema, ma che tutti credono sia una mossa commerciale, un ottima critica sulla realtà che imita la finzione strizzata da un regista che sa cosa vuole il pubblico da lui.
Rispetto al capitolo precedente non è migliore ma si lascia vedere bene, anche se qualche buco sparso qua e la fa supporre da subito chi è l'autore dei delitti, ma la sorpresa finale salva il film.
Naturalmente come sempre sarà Sidney con gli amici ad affrontare e ad uccidere l'omicida per mettere fine alla catena di delitti, in cui moriranno Randy, Ellie e altri amici di Sidney, il cerchio si stringe attorno a Sidney, perchè l'assassino la vuole fare fuori e soprattutto replicare gli omicidi di Woodsboro,
Secondo capitolo della saga di Scream, più patinato del primo capitolo, in cui spiccava freschezza, che manca in questo secondo capitolo, che mantiene alta la tensione dello spettatore dalla prima all'ultima scena, in cui finalmente si risolve tutto, in questo capitolo Craven si è divertito a mischiare il reale dalla finzione, la recitazione alla vita, come se fosse un tuttuno forse per mettere in risalto la natura malata dell'assassino o anche per concentrarsi sul vuoto assoluto di una generazione strafatta di film da non riuscire più a concernere la realtà dalla finzione, il film non è un capolavoro come il primo capitolo, ma si lascia vedere  bene.
DA COLLEZIONARE.


Commenti

  1. L'inizio è pregevole e da cardiopalma come il primo, geniale l'idea di creare la franchise di Stab e mostrare la stupidità del pubblico bue. Sicuramente inferiore al primo, ma non ai livelli dell'orribile, terzo capitolo.

    RispondiElimina
  2. ovviamente non eccezionale come il primo, però è comunque uno dei sequel più divertenti e autoironici mai realizzati :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.