Passa ai contenuti principali

eXistenZ

David Cronenberg fa quello che io chiamo il suo film più allucinato, con eXistenZ, dirige una pellicola che si rifà un po' al body horror di cui è sempre stato un maestro, si è un film allucinato perchè la trasmutazione tra mente e corpo trova la forma della sua sintesi espressiva, già precedentemente toccata con il capolavoro  Videodrome che riprende l'incrocio tra realtà e finzione, ma qui c'è di più, forse anche troppo, ma visto la trama è anche comprensibile, se in Videodrome l'incrocio tra realtà e finzione era passivo, qui è attivo, qui sono i protagonisti a manipolare in un certo senso la realtà e il mondo che li circonda, creando grazie a eXistenZ, una realtà alternativa, senza leggi precise, senza limiti, senza dogmi, popolata da creature fantastiche, anfibi, personaggi poco raccomandabili e tanto altro ancora.
Ma è nel potere del gioco che si immischia la realtà da non far capire dove comincia l'uno e finisce l'altro, si alternano situazioni, giochi differenti, personaggi diversi, come se il gioco man mano che va avanti avesse una sua vita al di fuori del game pod, ed è così che Allegra Geller produttrice del gioco eXistenZ si collega per giocare, con il game pod collegato alla bio porta che si trova sotto la spina dorsale, perchè  è il corpo ad alimentare il gioco, che è come un allucinoggeno capace di creare realtà alternative, tanto da perdersi completamente nel gioco e man mano che va avanti eXistenZ entra dentro un altro gioco ancora.
Un ottimo film supportato da un cast di primordine, tra cui spiccano Jennifer Jason Leigh che pur di lavorare con Cronenberg ha rinunciato ad Eyes Wide Shut di Kubrick, Ian Holm, Jude Law e tanti altri.
Il film non è certo ai livelli di Videodrome però ci siamo quasi, è una delle ultime volte che strizza l'occhio al body horror di cui è un maestro con i suoi ormai famosi temi abituali, è certamente un film per stomaci forti.
Nonostante resti una pellicola di ottima qualità forse rischia troppo di perdersi in varie trame, ma Cronenberg dimostra di saper dirigere e questi timori rimangono in secondo piano.
MAGISTRALE.




Commenti

  1. Si sente che sei un'appassionata di Cronenberg eh...

    Sei riuscita a non fare il minimo accenno al finale, brava, sei assolutamente a prova di spoiler.

    A presto!

    RispondiElimina
  2. eh si, no io non spoilero mai quando recensisco :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Ro.Go.Pa.G

Un film collettivo, che racchiude 4 episodi, non sono male, ma io personalmente, ho preferito gli ultimi due, sono ben girati e in particolare quello di Pier Paolo Pasolini è il migliore di questo film, in cui 4 dei maggiori cineasti degli anni sessanta, si riuniscono, non c'è nessun legame tra un film e l'altro, che in realtà sono 4 cortometraggi uniti.
L'illibatezza di Roberto Rossellini, Il Nuovo Mondo di Godard, La Ricotta di Pasolini, e infine Il Pollo Ruspante di Gregoretti.
I quattro cortometraggi compongono questo film collettivo e uniscono 4 dei più importanti cineasti del tempo, il mio preferito resta La Ricotta, sorta di commedia che ricorda molto le comiche ai tempi del muto con udite udite anche il grande Orson Welles nel ruolo del regista.
Film che è stato sequestrato dalla magistratura e processato per "Vilipendio alla Religione", ma noi italiani siamo sempre stati così bacchettoni? No perché una cosa del genere sarebbe da spanciarsi dalle risate e…

Aquaman

Dimensione extralarge per Aquaman, credevate che non lo recensivo? Vi sbagliate, ecco a voi la rece del film con quel gran bel fusto di Jason Momoa.