Passa ai contenuti principali

The Island

Michael Bay ci prova a fare un film impegnato che si allontana dai precedenti lavori, ma nonostante la trama sia accattivante, il film è girato alla stregua di uno spot pubblicitario, fotografia in stile patinato, ha parecchi difetti che lo appesantiscono, e ne fanno una visione che da indigestione, nonostante le solite sparate della tolleranza, della scoperta del mondo, il solito cattivo di turno che alla fine viene anche sconfitto, che credendosi Dio e violando tutte le leggi possibili ha creato dei cloni e un isola fantomatica che non esiste, ma che è il momento in cui questi cloni devono "sacrifiarsi" per salvare gli originali e donare loro organi vitali, bambini etc etc etc...
Cos'è che appesantisce la visione del film? Nonostante ci siano attori di grido come Ewan McGregor e Scarlet Johansson, spesso molto bravi qui sono costruiti di tutto punto perchè devono piacere allo spettatore per forza, non c'è una caratterizzazione valida, non hanno un anima che sia capace di creare una spece di identificazione no, e questo difetto ce l'ha tutto il film, che è incentrato tutto su un altro uomo che creando cloni si fa i soldi sulla pelle degli altri, e allora una coppia di cloni scappa per scoprire tutta queste verità, accorgendosi che l'isola in realtà non esiste, ma è il momento in cui dovranno dare i loro organi alle persone che li hanno ordinate, e quindi è il momento in cui dovranno rinunciare alla propria vita.
Un film certamente stereotipato, che si riduce nella più banale riedizione del blockbuster da cui Bay si voleva allontanare, l'unico bravo del film è certamente Sean Bean, che da al suo personaggio la sua aria luciferina che intriga non poco, per il resto del cast è spento, privo di immedesimazione.
Di certo Michael Bay non ha il talento e l'inventiva di un altro regista come Ridley Scott (a proposito se ascoltate la canzone che c'è il finale sono sicura che vi viene in mente Il Gladiatore hehe) che non è certo un genio ma qualche pellicola cult l'ha fatta, il resto mi pare una pellicola all'americana, in cui i buoni vincono sui cattivi, che poi liberano gli esseri umani e bla bla bla bla...la solita storia vista e risentita stop, si riduce qui il film di Bay, di sicuro Non lasciarmi a confronto è molto meglio di questo polpettone americano, almeno è realistico, ti immedesimi con i personaggi.
DA VEDERE TANTO PER...


Commenti

  1. nonostante il buon cast, la solita schifezza di michael bay...

    RispondiElimina
  2. si è vero e diciamolo una volta per tutte, è un americanata da diventare rossi dalla vergogna...che qualcuno tolga la macchina da presa a Michael Bay...no no aspetta se lo fanno non mi posso divertire a massacrarlo nelle recensioni hahaha, quindi per ogni film che fa una recensione al vetriolo, così tanto per divertirmi hahaha

    RispondiElimina
  3. michael bay fa davvero schifo

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.