Passa ai contenuti principali

The Island

Michael Bay ci prova a fare un film impegnato che si allontana dai precedenti lavori, ma nonostante la trama sia accattivante, il film è girato alla stregua di uno spot pubblicitario, fotografia in stile patinato, ha parecchi difetti che lo appesantiscono, e ne fanno una visione che da indigestione, nonostante le solite sparate della tolleranza, della scoperta del mondo, il solito cattivo di turno che alla fine viene anche sconfitto, che credendosi Dio e violando tutte le leggi possibili ha creato dei cloni e un isola fantomatica che non esiste, ma che è il momento in cui questi cloni devono "sacrifiarsi" per salvare gli originali e donare loro organi vitali, bambini etc etc etc...
Cos'è che appesantisce la visione del film? Nonostante ci siano attori di grido come Ewan McGregor e Scarlet Johansson, spesso molto bravi qui sono costruiti di tutto punto perchè devono piacere allo spettatore per forza, non c'è una caratterizzazione valida, non hanno un anima che sia capace di creare una spece di identificazione no, e questo difetto ce l'ha tutto il film, che è incentrato tutto su un altro uomo che creando cloni si fa i soldi sulla pelle degli altri, e allora una coppia di cloni scappa per scoprire tutta queste verità, accorgendosi che l'isola in realtà non esiste, ma è il momento in cui dovranno dare i loro organi alle persone che li hanno ordinate, e quindi è il momento in cui dovranno rinunciare alla propria vita.
Un film certamente stereotipato, che si riduce nella più banale riedizione del blockbuster da cui Bay si voleva allontanare, l'unico bravo del film è certamente Sean Bean, che da al suo personaggio la sua aria luciferina che intriga non poco, per il resto del cast è spento, privo di immedesimazione.
Di certo Michael Bay non ha il talento e l'inventiva di un altro regista come Ridley Scott (a proposito se ascoltate la canzone che c'è il finale sono sicura che vi viene in mente Il Gladiatore hehe) che non è certo un genio ma qualche pellicola cult l'ha fatta, il resto mi pare una pellicola all'americana, in cui i buoni vincono sui cattivi, che poi liberano gli esseri umani e bla bla bla bla...la solita storia vista e risentita stop, si riduce qui il film di Bay, di sicuro Non lasciarmi a confronto è molto meglio di questo polpettone americano, almeno è realistico, ti immedesimi con i personaggi.
DA VEDERE TANTO PER...


Commenti

  1. nonostante il buon cast, la solita schifezza di michael bay...

    RispondiElimina
  2. si è vero e diciamolo una volta per tutte, è un americanata da diventare rossi dalla vergogna...che qualcuno tolga la macchina da presa a Michael Bay...no no aspetta se lo fanno non mi posso divertire a massacrarlo nelle recensioni hahaha, quindi per ogni film che fa una recensione al vetriolo, così tanto per divertirmi hahaha

    RispondiElimina
  3. michael bay fa davvero schifo

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.