Passa ai contenuti principali

Biutiful

Uxbal è padre di due bambini e vive un rapporto conflittuale con la moglie, la quale è malata terminale, ma per Uxbal non c'è più tempo dato che anche lui ha il cancro in stadio terminale, e deve decidere a chi affidare i suoi figli, ma non è la sola cosa che deve fare, deve rimettere in regola anche coloro che lavorano per lui, sarà un percorso difficile e doloroso, che lo porterà a confrontarsi con la sua vita e a fare scelte difficili, ma non c'è abbastanza tempo, si deve sbrigare, deve dare ai suoi figli una casa e un posto sicuro dove vivere, ci riuscirà?
Questo non è il primo film di Iñárritu che vedo, ma è il primo che recensisco e mi ha stupita la sua abilità di far sentire il dolore anche con semplici sequenze, la sua regia è dolorosa, silenziosa e realistica, piuttosto lontana dalle rassicurazioni di tanti film strappalacrime che poi si concludono con il lieto fine rassicurante, a differenza lui non vuole rassicurare nessuno, usa la sua mdp in maniera decisa a mostrare la realtà per come si presenta, e non sono molti i film capaci di trasmettere tanto, bellissima la fotografia smarcata, che ne sottolinea la discesa verso la morte del protagonista, un bravissimo Javier Bardem, mi stupisco del talento di questo attore, che è stato capace di intraprendere un cammino artistico e rivelare il suo grande talento al mondo, a differenza di tanti altri attori iberici, lui il suo talento lo dimostra, e diventa il personaggio che interpreta, calandosi alla perfezione nella parte.
Biutiful è un opera dura, lacerante, che rivela la difficoltà di lasciare le persone che amiamo e i mille dubbi su come sistemarli per poi prendere una strada diversa dal loro cammino, è un film così complesso e difficile che nonostante i temi trattati viene spontaneo apprezzare, soprattutto alla semplicità di come l'autore ha affrontato la storia.
In conclusione, un piccolo grande capolavoro, da collezionare e soprattutto da vedere e rivedere per riflettere sul grande mistero che è la vita.


Commenti

  1. l'ultimo e unico Iñárritu che mi manca... ma aspetto ancora un po' prima di vederlo, altrimenti rimango senza poi :)
    uno dei miei registi super preferiti!!!

    RispondiElimina
  2. Da me credo se la lotterà come film dell'anno.

    Poi vi sono molto legato anche per altri motivi che riguardano la recensione.

    Opera immensa.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Ro.Go.Pa.G

Un film collettivo, che racchiude 4 episodi, non sono male, ma io personalmente, ho preferito gli ultimi due, sono ben girati e in particolare quello di Pier Paolo Pasolini è il migliore di questo film, in cui 4 dei maggiori cineasti degli anni sessanta, si riuniscono, non c'è nessun legame tra un film e l'altro, che in realtà sono 4 cortometraggi uniti.
L'illibatezza di Roberto Rossellini, Il Nuovo Mondo di Godard, La Ricotta di Pasolini, e infine Il Pollo Ruspante di Gregoretti.
I quattro cortometraggi compongono questo film collettivo e uniscono 4 dei più importanti cineasti del tempo, il mio preferito resta La Ricotta, sorta di commedia che ricorda molto le comiche ai tempi del muto con udite udite anche il grande Orson Welles nel ruolo del regista.
Film che è stato sequestrato dalla magistratura e processato per "Vilipendio alla Religione", ma noi italiani siamo sempre stati così bacchettoni? No perché una cosa del genere sarebbe da spanciarsi dalle risate e…

Aquaman

Dimensione extralarge per Aquaman, credevate che non lo recensivo? Vi sbagliate, ecco a voi la rece del film con quel gran bel fusto di Jason Momoa.