Passa ai contenuti principali

Il Diavolo veste Prada

Andy Sachs, giovane giornalista arriva nella grande mela e trova lavoro nella più influente rivista di moda Runway, considerata una vera e propria bibbia.
Tutto quello che deve fare è stare buona e assistere la direttrice della rivista Miranda Prestley per poi ambire a un  posto migliore...sembra facile, ma non lo è.
Miranda non è certo il tipo di capo comprensivo, o quello che ti porge la mano per fare amicizia, noooo, Miranda è una vera e propria diavolessa capace di richiedere alla povera Andy, anche cose impossibili, come per esempio richiedere un aereo per tornare a casa durante un uragano, oppure ottenere il nuovo libro di harry potter ancora in fase di stampa...e così all'inizio la poveretta è costretta a correre di qua e di là per tenersi il posto, ed è un impresa quasi colossale, ma nonostante le mille difficoltà riesce sempre nei suoi innumerevoli compiti, tanto da guadagnarsi anche la fiducia sia di Miranda - una grandissima Meryl Streep qui davvero un oscar sarebbe stato meritatissimo per lei - e un altrettanto brava Anne Hathaway, ma la vera sorpresa è Emily Blunt, che spicca accanto alla Hathaway e di certo si rivela più brava di lei.
Una commedia brillante sullo sfavillante mondo della moda, che rivela il lato glamour e un po' superficiale di un mondo capace di girare intorno a chi decide cosa è un bene per la rivista e cosa non lo è, come nella scena in cui Andy viene scelta per partire a Parigi al posto di Emily, che si era preparata per mesi dato che ci teneva, tanto da non mangiare...
Ma come disse Miranda - non essere ridicola Andrea, tutti vogliono questa vita, tutti vogliono essere noi - il che vuol dire  per entrare in quello splendido e brillante mondo, bisogna vendersi un po' l'anima, e Andy capirà questo? Cosa succederà? Sarà capace di voltare pagina e ricominciare daccapo?
David Frankel costruisce il fillm come un percorso, in cui Andy da timida assistente diventa quasi il braccio destro di Miranda, e si che ci sono pure compromessi da superare, e non sarà facile dopo la trasformazione avere sia le persone che ami, sia il luccicante mondo della moda...ci saranno separazioni, ci saranno riappacificazioni, e si capirà anche che per essere se stessi bisogna esserlo senza trasformarsi in qualcosa che non sei solo per far parte del club.
Voto: 7




Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.