Passa ai contenuti principali

Sinister

Questo è un bel film, si perchè in apparenza potrebbe sembrare la solita storia di fantasmi, di spiriti che si prendono i bambini per torturarli...ma poi ti accorgi che la storia è un po' complessa.
Niente è come appare, e Ellison lo capisce sulla propria pelle, sta facendo una ricerca che lo porterà ad avvicinarsi in qualcosa di mostruoso che cercherà di possedere la sua bambina, ma nonostante le avvisaglie non si ferma davanti a nulla, e approfondisce il mistero della morte di alcuni bambini fino a che ormai sarà troppo tardi per tornare indietro.
L'inizio è folgorante, fanno vedere un filmino di famiglia con tre cappi nel collo di tre bambini, poi cominciamo a conoscere i protagonisti lo scrittore Ellison, e la sua famiglia, composta da moglie e due bambini, il regista capisce bene che essendo un film particolare, c'è il rischio di cadere in clichè, o stereotipi, così prende la figura di un demone che possiede bambini e se li porta via, la cui figura somiglia molto all'uomo nero.
Il personaggio di Ellison, scrittore che va nelle case dove sono accaduti delitti efferati per scrivere i suoi romanzi, con tutti gli avvisi di un poliziotto che gli sta scomodo, e gli dice di tornare da dove è venuto, lui rimane fino alle tragiche conseguenze...
Non vi dico nulla, vi dico solo che è un film che deve essere visto, primo perchè l'intreccio è intrigante, poi perchè cattura dall'inizio alla fine, e terzo perchè ultimamente stanno uscendo titolo davvero interessanti per il cinema di genere, e Sinister è uno dei titoli da tenere d'occhio.
Molto bravo Ethan Hawke, che riesce a catturare l'attenzione dello spettatore sin dall'inizio, fino allo sconvolgente finale...Il regista dal canto suo fa una partita a scacchi con lo spettatore, che non riesce a capire fino alla fine...
In conclusione, da vedere e da collezionare.
Voto: 7


Commenti

  1. Io rimango sulla sufficienza, ci scrissi una recensione. Però quella diavolo di colonna sonora mi fa accapponare la pelli :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il finale mi ha fatta saltare in aria letteralmente hahaha ^_^ a me è piaciuto moltissimo :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.