Passa ai contenuti principali

Una canzone per Marion

Una gradevole commedia canterina, su quello che abbiamo ma non riusciamo ad accettarlo, ma quando ci lasciamo andare...scopriamo un mondo veramente nuovo.
Ci sono infiniti film con questa trama, e questo pur essendo carino, e ti fa passare un ora e tre quarti in completo svago, grazie alla bravura degli attori protagonisti, degli adorabili vecchietti che nonostante l'età avanzata vogliono dimostrare di poter anche cantare e di avere coraggio.
Tutto qui? SI.
In sostanza è un film perfettino, troppo ben fatto per essere un ottimo film, il regista nonostante sia bravo a dirigere, non osa più di tanto, è possibile che questi vecchietti sono così allegri senza nessun problema?
Anche i giovani ce li hanno, tutti ce li abbiamo per carità ma un approfondimento più realistico a questo film lo avrebbe reso grande.
Non ho ancora visto Quartet e cercherò di recuperare, quindi evito di fare stupidi confronti, quello che intendo è che nonostante le buone intenzioni dei protagonisti, sembra un film fuori dalla realtà, ma il regista non ha un senso di compassione per questi vecchietti? Non uno sguardo sulla loro vita, o emozioni, o anche pensieri, nulla, solo un gruppo di vecchietti canterini, che ricordano alla lontana un glee un po' ingiallito e fuori tempo: peccato perchè da questo film potevano nascere critiche verso i giovani, fare in modo di incentrarlo sulla solitudine e la tristezza, che affliggono molti vecchietti, no, solo un grupp di vecchietti allegri che cantano felici...va bene ognuno può raccontarlo così anche se la pellicola risulta poco realista.
A questo film manca il coraggio di sensibilizzare e di andare fino in fondo, questo è il suo grande limite, che poteva ben essere superato se il regista aveva il coraggio di osare, perchè dosare bene gli ingredienti è necessario se si vuol fare un grande film, invece di andare solo in un solo binario.
Peccato perchè aveva buone potenzialità per essere un ottimo film.
Voto: 6 e 1/2

Commenti

  1. film con i suoi difetti, però molto toccante, senza essere troppo ruffiano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insomma in un certo senso hai ragione ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.