Passa ai contenuti principali

Hostel

Cosa penso di Hostel? Un film furbo, che gioca sia con le citazioni, pur non avendo una trama originale, basti pensare alla saga di Non aprire quella porta, la cui struttura è identica o quasi, e la trama è differente.
Eli Roth non è certo un regista che non sa maneggiare la pasta, e infatti lo dimostra, ho letto che quando uscì al cinema davano dei sacchetti per vomitare agli spettatori, ebbene, io non ne ho avuto bisogno, forse perchè ormai con Fulci e Romero mi sono un po' abituata ai film horror/splatter/gore, che è il genere di film di hostel.
Ora voi vi domanderete, è un film guardabile? Si non ci sono scene raccapriccianti, se non dopo trenta minuti, ma anche quelle non sono poi tanto impressionanti, dipende dal grado di sopportazione delle scene gore, non dico che è un film per stomaci forti, non esagero, ma la cosa è individuale, ma c'è a chi può piacere e a chi non può piacere, la cosa è normale.
Il mio parere? Non mi è dispiaciuto lo ammetto, ma di certo non lo reputo un capolavoro, questo no, il film ha anche i suoi difetti, all'inizio sembra un film demenziale, che strizza l'occhio ai film scollacciati degli anni settanta, poi la trama cambia per portarti nell'incubo, ed è qui che per alcuni avviene il bello: io credo che Roth abbia volutamente allungato i tempi per permettere allo spettatore di entrare in sintonia con i protagonisti, ma c'è un difetto, che seppure è una mossa astuta, rischia di annoiare lo spettatore.
Le scene gore sono cupe, inquietanti, ma come ho detto prima dipende dal grado di sopportazione, io le ho trovate tremende, ma non tanto per il gore, ma per il fatto che questi poveretti si ritrovano vittime di un maniaco che li vuole fare a pezzi, e non sanno il perchè...
Un film tutto di effetti, che gioca tutto di psicologia, astuto, e più di una volta spinge lo spettatore a una sfida di quanto riesce a sopportare nelle scene più turculente.
Per me non è un film imprescindibile per chi ama il genere, reputo imprescindibili, Cronenberg, Romero e Fulci, che quelli SI che sono veri maestri.
Eli Roth da una parte riesce bene nel creare l'atmosfera giusta, da un altra ancora deve imparare a creare qualcosa di innovativo. Padrino del film un certo Quentin Tarantino, ma voi tutti sicuramente lo conoscete già!
Voto: 6


Commenti

  1. Ho preferito il secondo sia per la trama sia per un paio di sequenze davvero girate benissimo, ma di Eli rimane insuperabile e divertentissimo Cabin Fever! E ora aspettiamo The Green Inferno! :)

    RispondiElimina
  2. a me piace un casino e il due è ancora meglio, il 3 invece è solo passabile.
    Ma il mitico Eli a me piace da matti e trovo che sia troppo sottovalutato, aspetto con ansia green inferno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il secondo lo devo ancora vedere, visto che ce l'ho...prossimamente lo vedo...ho visto solo questo e ammetto che non mi è dispiaciuto, anche se preferisco Cronenberg e Romero a Roth, aspetto anche io il prossimo, vediamo se quello che dici è vero :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.