Passa ai contenuti principali

The Best of Cinema Hit Parade - Dark Ladies

E anche la fabbrica dei sogni ha la sua hit parade, ovvero una classifica sul meglio del cinema, fatta ogni settimana, a partire da questa...cominciamo con le Dark Ladies, bellissime, fatali e pronte a tutto per ottenere il loro scopo...

1° Posto per Sharon Stone in Basic Instinct
Calcolatrice, manipolatrice e diabolica, uccide a sangue freddo, ma è talmente brava a farti capire il contrario, si circonda di assassini, e scrive romanzi la cui trama è ispirata fin troppo alla realtà...






2° Posto è per Linda Fiorentino de L'ultima seduzione
Una moglie fa uno sporco affare con il marito vendendo cocaina farmaceutica, ma poi si accorge che i soldi è meglio che se li tiene lei, conosce un uomo lo usa come un oggetto sessuale per poi decidere di eliminare entrambi e godersi i soldi...una virago da tenere alla larga.




3° Posto Per Kathleen Turner in Brivido Caldo dove interpreta una donna che deve far fuori il marito, e seduce un avvocato di mezza tacca Ned Racine, per far si che l'eredità sia destinata tutta a lei...e il colpo le riesce...ma...il film termina con un finale apertissimo...




4° Posto Per Glenn Close in attrazione fatale, lo ammetto mi fa un po' paura, ma la sua Alex Forrest, amante psicotica, che non si arrende di fronte all'evidenza, che l'incontro avuto con Dan Gallagher, è stata solo un avventura da dimenticare...e così perseguita l'uomo fino a farlo scoprire dalla moglie, con conseguenze inimmaginabili.





5° Posto per Nicole Kidman in Da Morire di Gus Van Sant, nel ruolo di una barbie sottosviluppata e priva di scrupoli, che farebbe qualsiasi cosa per apparire in tv...quando il maritino viene trovato morto sarà persino assolta, ma la famiglia di lui ha in serbo per lei una crudelissima sorpresa




E ora continuiamo con la nostra hitparade...

6° Posto per Lena Olin In Triplo Gioco





7° Posto per Theresa Russell in La vedova nera

8° Posto per Jessica Lange Nel film Il postino suona sempre due volte

9° Posto per Kim Basinger in L.A. Confidential

10° Posto Per Jennifer Tilly e Gina Gershon in Bound Torbido Inganno



una bella classificona, la settimana prossima ce ne sarà un altra...e il tema non ve lo dico, vi dico solo per chi ama il cinema di Tarantino e soci, che il tema sarà incentrato da quelle parti...alla prossima.

Commenti

  1. più che dark lady, sharon stone in basic instinct si meriterebbe il primo posto nella classifica delle zoccole ladies ahahah :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. naaaaaaaaa, certo il personaggio è perverso....e lei lo sa interpretare molto bene :)

      Elimina
  2. E' un tuffo nel passato questo post... le Dark Lady furoreggiavano negli anni '80 o '90, adesso al massimo si parla di bimbeminkia! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma le bimbeminkia sono un altra cosa hahaha

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…