Passa ai contenuti principali

Kill for me - Legami di morte

Mai fidarsi delle compagne di stanza, sapete perchè? Perchè certe volte con la loro eccessiva gentilezza possono nascondere qualcosa, di cosa stiamo parlando?
La storia racconta di una studentessa, Amanda che non si da pace per la scomparsa della sua amica e compagna di stanza Nathalie, ma allo stesso tempo, il posto lasciato vacante dall'amica deve essere ricolmato...e chi meglio di Hailey?
Da subito tra le due donne scatta qualcosa, soprattutto dopo che Hailey ha salvato amanda dall'aggressione del suo ex, ma questo gesto apparentemente altruistico nasconde qualcosa...Hailey vuole che amanda ricambi il favore uccidendo suo padre, colpevole di aver ucciso sua madre e di averle fatto subire violenza.
Il tema del film non è certo originale, in passato ci sono stati film come Inserzione pericolosa e il più modesto non chè copia spudorata del primo The Roommate, Greenspan nonostante tocchi tematiche già viste, se la cava bene, modificando la storia, ma di certo ci sono chiari riferimenti pure ad Alfred Hitchcock, che resta la fonte più concisa.
Un film che si lascia vedere bene, che non pretende nient'altro dallo spettatore che la visione senza impegni, tanto per passare tempo.
Ovviamente ci sono anche i difetti, il plot che riprende qua e là da altri film non gioca di certo a suo favore, una certa approssimazione nella caratterizzazione dei personaggi che evidenziano clichè di fondo, la superficialità che non delinea per bene il carattere delle protagoniste, nè il punto di vista, nè tantomeno la personalità, evitando quanto più possibile l'empatia con lo spettatore, insomma le protagoniste sono anche carine, ma ci si deve avvicinare ai protagonisti.
E' mai possibile che Hailey viene descritta senza un briciolo di umanità? Perchè non si evidenzia le motivazioni che la spingono a fare le sue scelte discutibili? E Amanda, perchè sembra più stupida che altro e accetta Hailey senza pensarci due volte?
Il finale è quello che non ti aspetti, ma sinceramente io avrei optato in qualcosa di più intrigante, che avrebbe rafforzato un film che non aveva chance di restare impresso agli spettatori.
In conclusione, un film che non va oltre la sufficenza.
Voto: 6



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.