Passa ai contenuti principali

Kill for me - Legami di morte

Mai fidarsi delle compagne di stanza, sapete perchè? Perchè certe volte con la loro eccessiva gentilezza possono nascondere qualcosa, di cosa stiamo parlando?
La storia racconta di una studentessa, Amanda che non si da pace per la scomparsa della sua amica e compagna di stanza Nathalie, ma allo stesso tempo, il posto lasciato vacante dall'amica deve essere ricolmato...e chi meglio di Hailey?
Da subito tra le due donne scatta qualcosa, soprattutto dopo che Hailey ha salvato amanda dall'aggressione del suo ex, ma questo gesto apparentemente altruistico nasconde qualcosa...Hailey vuole che amanda ricambi il favore uccidendo suo padre, colpevole di aver ucciso sua madre e di averle fatto subire violenza.
Il tema del film non è certo originale, in passato ci sono stati film come Inserzione pericolosa e il più modesto non chè copia spudorata del primo The Roommate, Greenspan nonostante tocchi tematiche già viste, se la cava bene, modificando la storia, ma di certo ci sono chiari riferimenti pure ad Alfred Hitchcock, che resta la fonte più concisa.
Un film che si lascia vedere bene, che non pretende nient'altro dallo spettatore che la visione senza impegni, tanto per passare tempo.
Ovviamente ci sono anche i difetti, il plot che riprende qua e là da altri film non gioca di certo a suo favore, una certa approssimazione nella caratterizzazione dei personaggi che evidenziano clichè di fondo, la superficialità che non delinea per bene il carattere delle protagoniste, nè il punto di vista, nè tantomeno la personalità, evitando quanto più possibile l'empatia con lo spettatore, insomma le protagoniste sono anche carine, ma ci si deve avvicinare ai protagonisti.
E' mai possibile che Hailey viene descritta senza un briciolo di umanità? Perchè non si evidenzia le motivazioni che la spingono a fare le sue scelte discutibili? E Amanda, perchè sembra più stupida che altro e accetta Hailey senza pensarci due volte?
Il finale è quello che non ti aspetti, ma sinceramente io avrei optato in qualcosa di più intrigante, che avrebbe rafforzato un film che non aveva chance di restare impresso agli spettatori.
In conclusione, un film che non va oltre la sufficenza.
Voto: 6



Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.