Passa ai contenuti principali

Rush

Ehilà, ma che bel film questo, se potessi mettere la faccina gli metterei quella col sorriso a 32 denti; perchè? Perchè questo film mi ha entusiasmato, dall'inizio alla fine, forse è uno dei migliori film di questo 2013, e alla regia c'è un certo Ron Howard, avete presente quel tipo biondino, che ha cominciato con la tv e ha vinto l'oscar per A Beautiful Mind? Si avete capito bene, è proprio lui e devo dire che queste due ore passano via che neanche te ne accorgi, coinvolgente, ritmo audace e una regia classica ma che sa il fatto suo.
E di questi tempi vedere ottimi film è un impresa quasi titanica, - ultimamente anche i miei voti non sono stati tanto entusiastici - Ron Howard dimostra di saper raccontare una storia con precisi dettagli, pur rimanendo fedele al suo stile, ma con una spinta in più, che per lui è una novità assoluta l'audacia.
La trama, la regia, i personaggi sono ben calibrati con un guizzo di sfida per lo spettatore, sfida che vince a pieni voti.
Questa è la storia di due automobilisti, rivali sulla pista, ma che nella vita si stimano, James Hunt è un donnaiolo sfrenato, di grande talento sulla pista, ma eccessivo nella vita, Niki Lauda invece è metodico, preciso, mai un eccesso, mai perdere tempo in feste notturne a bere o ad andare in giro a cercar donne, lui contravvenendo al volere paterno di voler fargli gestire l'azienda di famiglia, fa esattamente quello che vuole, correre con la macchina, e lascia suo padre con una precisa scommessa, che vince a pieno titolo.
Un film nudo e crudo, che fa alzare l'interesse per me su Ron Howard, che con questo piccolo ma grande film, sottolinea l'importanza sia dell'intrattenimento che di coinvolgimento il che non guasta mai.
Mescolando sapientemente gli ingredienti, svolge il suo lavoro in maniera decisa senza fronzoli, il che è un punto sia a suo favore, che a nostro favore, e il divertimento è garantito.
La storia è vera, i due piloti sono esistiti veramente, anche se all'inizio credevo che la trama fosse inventata, e pur sapendo i rischi nel raccontare una storia realmente accaduta, sa essere realista senza eccedere, possiamo dunque dire che questo è il miglior film di Ron Howard un piccolo capolavoro recente, non voglio eccedere nemmeno con il mio parere, quindi dico soltanto che tutto il cast attoriale del film merita la visione di esso.
Se Howard continua per la stessa strada avremmo infinite sorprese.
Scena preferita? Quella in cui un giornalista chiede a Niki Lauda se sua moglie lo accetta dopo l'incidente che lo ha sfigurato o chiederà il divorzio, la risposta di James è che gli rompe il naso e fa al giornalista la stessa medesima  domanda in un bagno.
Voto: 8


Commenti

  1. Risposte
    1. si è un film fottutamente divertente :D

      Elimina
  2. L'ho recensito su un altro blog , perchè l'ho trovato molto avvincente, con attori ben scelti e l'ottima regia di Ron!
    Bacio cara amica mia!

    RispondiElimina
  3. E' piaciuto moltissimo anche a me. Cinema 'classico' hollywoodiano, ma in questo caso non è certo una parolaccia: Howard va sul sicuro e ci regala una storia appassionante e terribilmente realistica, avendo l'intelligenza di non stravolgere i fatti in nessun caso. Una storia incredibilmente vera, che andava raccontata proprio come ha fatto 'Rush'!

    RispondiElimina
  4. boh ne stan parlando tutti benssimo tuttavia continua a non convicermi, forse un giorno lo vedrò, magari quando passerà in tv, ma di certo non è tra le mie priorità, non so il trailer è veramente pessimo, è anche vero che i trailer non sempre corrispondon alla verità, vedremo.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Myers il trailer non è altro che un suggerimento, il film io l'ho visto e ti assicuro che ne vale davvero la pena, guardatelo poi mi dici :)

      Elimina
    2. ok, se ne avrò occasione lo guarderò :-)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.