Passa ai contenuti principali

American Horror Story Stagione 1 The House of Murder

E cominciamo a recensire i telefilm, e per l'esordio ecco American Horror Story, la serie creata da Ryan Murphy e Brad Falchuck, mi ha conquistata.
Innanzitutto dobbiamo dire che se in apparenza capisci certe cose, è la fine che si rivela un autentica sorpresa, poi la prima stagione narra di una famiglia che compra una casa in cui è morta con omicidio suicidio una coppia gay, la famiglia sono gli Harmon, in crisi a causa di un tradimento di Ben, il capofamiglia con una sua giovane allieva, così cambiano casa per rimettere a posto le cose, ma ad attenderli ci sono ben altri problemi.
La casa ha un passato terribile, che ben presto rivela tutta la sua malvagità, Vivien, una notte viene violentata da un uomo con una tuta di latex, ma lei crede sia suo marito, e c'è anche Constance, l'invadente vicina che sa tutto sulla casa, in passato anche lei ha vissuto nella casa, suo figlio Tate, morto durante uno scontro a fuoco con la polizia, diventa un paziente del dottor Harmon, psichiatra e nuovo inquilino della casa, ben presto anche il dottore si rende conto che  il ragazzo ha qualche rotella fuori posto.
C'è anche la cameriera, Moira, le donne la vedono vecchia e malinconica, gli uomini la vedono come una vamp della curve mozzafiatto, anche lei è un fantasma della casa, che fa da tata ai nuovi inquilini.
L'inizio è travolgente si vede una bambina che poi scopriremo è Adelaide, figlia di Constance, che invita due ragazzini a non entrare nella casa, ma questi non la ascoltano e faranno una brutta fine.
Il personaggio che mi ha colpito di più? L'uomo sfigurato, ex amante di Constance, vittima anch'esso della casa, ma è un vero bastardo, lui sarà l'assassino di Hayden, l'amante di Ben, che seppelliranno nel giardino, e sopra ci costruiranno un gazebo.
Nonostante questa serie mi è piaciuta molto, tanto da guardarla quasi tutta d'un fiato, mi sono accorta che in apparenza c'era qualcosa che non andava, i fantasmi erano come persone vere, ma poi la sorpresa si rivela all'ultimo, ma non vi anticipo niente perchè la dovete guardare.
Molte persone sono morte dentro quelle mura, tanto da diventare meta di curiosi, Vivien resterà incinta di due  bambini, uno è di suo marito e l'altro è di chi si nasconde dietro la maschera di lattice...shhhh non vi svelo nulla lo sapete, ma Constance saprà occuparsi bene della sua vicina.
Bravissima Jessica Lange, che solo per la sua interpretazione la serie merita di essere vista, oltre naturalmente tutto il cast di attori,
In conclusione, una serie tutta da vedere, forse una delle migliori che il piccolo schermo abbia prodotto negli ultimi anni.
Prossimamente, anzi prestissimo, comincerò la seconda stagione, che ha trama e personaggi diversi, si può dire che ogni stagione è autoconclusiva, una ragione in più per incuriosirmi.
Voto: 7




Commenti

  1. La dimostrazione fisica che si può fare horror anche in tv e farlo bene, mi è piaciuto molto! Il secondo poi, un ulteriore passo avanti, a questo punto il terzo sarà miracoloso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a giorni io comincio la seconda stagione, lo devo dire, mi ha rapita :D

      Elimina

Posta un commento

Moderazione rimessa, NO SPAM

Post popolari in questo blog

#LaPromessa2021 - I Cugini

  Mi sono sempre chiesta com'erano i primissimi film di Claude Chabrol  regista che apprezzo molto, conosciuto con il film L'Inferno  di cui ho visto parecchi film, con la scusa della promessa per il 2021, ho deciso di mettere in cartellone uno dei suoi primi film: I Cugini .

#LaPromessa2021 - Lili Marleen

  Questo mese saranno tre i film recensiti per la promessa, anche perché non ho fatto tempo a recensire il secondo di aprile, lo faccio adesso, e spero di recensire in breve tempo anche i film di maggio. Adesso tocca a un film di Rainer Werner Fassbinder  da me amatissimo per tanti motivi e chi bazzica questi lidi sa che ho dato parecchio spazio al suo cinema, quest'anno l'ho fatto partecipare alla promessa, selezionando Lili Marleen  mi sarà piaciuto?

Presto alla fabbrica una sorpresa...

  Venghino signori venghino, se ve piace Lino Banfi, se vi siete trastullati con Edwige Fenech, e avete riso co Pierino o simili, non perdetevi la nuova rubrica dove se parla de sto cinema, no, non sono recensioni, ma ho avuto l'idea sopraffina de parlà del cinema de ggenere, o trash all'italiana, perché anche il trash vole il suo spazio perché è de culto eh? La rubrica se chiamerà   STRACULT  perchè il cult lo lasciamo agli estereofili, nella rubrica si parlerà di diversi film, solo parole e fatti soprattutto che parlano di un certo cinema che andava forte negli anni settanta ottanta o giù di lì. Ci saranno risate e ricordi a non finire, e per chi vuole partecipare mi contatti su facebook o via email o anche sotto questo post CIAOOOOO!!!