Passa ai contenuti principali

American Horror Story Stagione 1 The House of Murder

E cominciamo a recensire i telefilm, e per l'esordio ecco American Horror Story, la serie creata da Ryan Murphy e Brad Falchuck, mi ha conquistata.
Innanzitutto dobbiamo dire che se in apparenza capisci certe cose, è la fine che si rivela un autentica sorpresa, poi la prima stagione narra di una famiglia che compra una casa in cui è morta con omicidio suicidio una coppia gay, la famiglia sono gli Harmon, in crisi a causa di un tradimento di Ben, il capofamiglia con una sua giovane allieva, così cambiano casa per rimettere a posto le cose, ma ad attenderli ci sono ben altri problemi.
La casa ha un passato terribile, che ben presto rivela tutta la sua malvagità, Vivien, una notte viene violentata da un uomo con una tuta di latex, ma lei crede sia suo marito, e c'è anche Constance, l'invadente vicina che sa tutto sulla casa, in passato anche lei ha vissuto nella casa, suo figlio Tate, morto durante uno scontro a fuoco con la polizia, diventa un paziente del dottor Harmon, psichiatra e nuovo inquilino della casa, ben presto anche il dottore si rende conto che  il ragazzo ha qualche rotella fuori posto.
C'è anche la cameriera, Moira, le donne la vedono vecchia e malinconica, gli uomini la vedono come una vamp della curve mozzafiatto, anche lei è un fantasma della casa, che fa da tata ai nuovi inquilini.
L'inizio è travolgente si vede una bambina che poi scopriremo è Adelaide, figlia di Constance, che invita due ragazzini a non entrare nella casa, ma questi non la ascoltano e faranno una brutta fine.
Il personaggio che mi ha colpito di più? L'uomo sfigurato, ex amante di Constance, vittima anch'esso della casa, ma è un vero bastardo, lui sarà l'assassino di Hayden, l'amante di Ben, che seppelliranno nel giardino, e sopra ci costruiranno un gazebo.
Nonostante questa serie mi è piaciuta molto, tanto da guardarla quasi tutta d'un fiato, mi sono accorta che in apparenza c'era qualcosa che non andava, i fantasmi erano come persone vere, ma poi la sorpresa si rivela all'ultimo, ma non vi anticipo niente perchè la dovete guardare.
Molte persone sono morte dentro quelle mura, tanto da diventare meta di curiosi, Vivien resterà incinta di due  bambini, uno è di suo marito e l'altro è di chi si nasconde dietro la maschera di lattice...shhhh non vi svelo nulla lo sapete, ma Constance saprà occuparsi bene della sua vicina.
Bravissima Jessica Lange, che solo per la sua interpretazione la serie merita di essere vista, oltre naturalmente tutto il cast di attori,
In conclusione, una serie tutta da vedere, forse una delle migliori che il piccolo schermo abbia prodotto negli ultimi anni.
Prossimamente, anzi prestissimo, comincerò la seconda stagione, che ha trama e personaggi diversi, si può dire che ogni stagione è autoconclusiva, una ragione in più per incuriosirmi.
Voto: 7




Commenti

  1. La dimostrazione fisica che si può fare horror anche in tv e farlo bene, mi è piaciuto molto! Il secondo poi, un ulteriore passo avanti, a questo punto il terzo sarà miracoloso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a giorni io comincio la seconda stagione, lo devo dire, mi ha rapita :D

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.