Passa ai contenuti principali

In Trance

Eh si, Danny Boyle torna al cinema, con questo film, Trance: protagonista James McAvoy, attore peraltro molto interessante, e da tenere d'occhio, nel ruolo di Simon, assistente in una casa d'aste che si mette in affari con una banda di ladri per rubare un dipinto...solo che le cose non andranno lisce come l'olio, perchè Simon fa si che il quadro non venga rubato e lo nasconde, e per colpa di un incidente dimentica il nascondiglio del quadro, come fare per reimpostare la memoria? Ci pensa una dottoressa....ma le cose non sono esattamente come sembrano.
Dove sono i tempi di The Millionaire? Vera e propria consacrazione di questo talentuoso regista, premiato con l'oscar come miglior film, ebbene quei tempi sono lontani.
Sebbene questo film sia un prodotto accattivante e interessante, è lo script che presenta dei problemi.
Anche se Danny Boyle è in fase di sperimentazione, ma è una parola grossa me ne rendo conto, anche se gli attori fanno un bellissimo lavoro, quello che non va è proprio lo script, se da una parte vira per costruire la memoria di Simon, dall'altra vira per un territorio che con il film non centra un bel niente.
La psicologa che deve aiutare Simon a ricordare è il punto centrale del film, ma si può dire che i due abbiano vissuto in passato una storia - scusate lo spoiler ma non ne potevo fare a meno - e che c'erano anche stati dei maltrattamenti, per questo lei gli ha cancellato la memoria della loro storia - e questo che centra? Non ha perso la memoria con l'incidente stradale?
Ecco è proprio questo che non va in questo film, il continuo cambiamento di trama che rende il film incomprensibile, se da una parte l'opera risulta interessante e piena di potenzialità da un altra il regista non sa come rendere appetibile il film magari con qualche scena pepata, Boyle non riesce a tenere il filo del discorso, tra continui flashback che ricostruiscono la vita di Simon, tra sbalzi di umori e altre cose per la prima volta Danny Boyle, ha una ricetta che non ha saputo imbastire bene.
Ci si perde per strada, dentro un film che non riesce a parlare bene al pubblico, e se ve lo dice una Lynchana ci dovete credere, questa volta ha peccato di presunzione, peccato perchè come regista l'ho sempre apprezzato molto dai tempi di Trainspotting, c'è troppa carne al fuoco, e c'è un regista che ha perso il filo del suo film, che è come se fosse andato per i fatti suoi senza che Boyle riuscisse ad acchiapparlo per riportarlo a posto. Peccato.
Voto: 6 Solo perchè c'è quel grandissimo di Vincent Cassell e anche per Rosario Dawson.


Commenti

  1. Ti dirò, l'ho trovato a tratti trash e un po' pomposo ma non mi è dispiaciuto. Merito forse del fascino di Cassel? :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche a me non è dispiaciuto, difatti gli ho dato 6, ma aveva delle potenzialità pazzesche, peccato che Boyle si è lanciato all'impazzata :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.