Passa ai contenuti principali

The Walking Dead Stagione 1

Avete presente quando si decide di botto di vedere qualcosa ed è rimasto in un angolo, poi lo prendi per vederlo e ti conquista dall'inizio alla fine? Ecco questo è quello che è successo a me con The Walking Dead.
Una sera ho preso il dvd e ho deciso di vederlo, e per tre giorni di fila non ho smesso fino a che la prima stagione non si è conclusa, lo devo dire è stata una bellissima sorpresa, talmente bella che per pochissime puntate mi sono appassionata talmente tanto che ho deciso di recuperare la seconda e la terza stagione.
Frank Darabont è il regista de Il miglio verde e Le ali della libertà, e vederlo in un progetto horror da lui prodotto e tratto da una graphic novel è stata una piacevole sorpresa, ovviamente gli zombie per chi bazzica da queste parti sono i protagonisti della mitica trilogia di Romero, che con queste creature ha reinventato un genere, come critica al consumismo e al benessere, per Darabont invece è l'epidemia a causare l'apocalisse, un epidemia sconosciuta che sta facendo scanna di esseri umani, e alla prima stagione non si capisce perchè gli zombie hanno infestato la terra.
Protagonista è un poliziotto locale, che si sveglia dal coma e si ritrova la devastazione totale, sia dell'ospedale, che del posto in cui si trova, così si incammina per capire cosa diavolo sta succedendo.
Mentre cammina si imbatte su un uomo di colore e suo figlio che lo curano e lo rimettono in sesto, non prima di mille domande e sospetti, alla fine lui torna in città e rimane intrappolato dentro un carro armato, a salvarlo è un ragazzo cinese, che piano piano gli indica come uscirne.
Qui fa la conoscenza di altri sopravvissuti all'apocalisse e inseritosi nel gruppo, raggiungno altre persone tra cui la moglie  e il figlio di Rick il poliziotto, e non sarà un impresa facile dato che appaiono zombie in ogni angolo pronti a sbranarli, e non mancheranno scontri anche con gli stessi compagni di disavventura...Ma cosa diavolo sta succedendo intorno a loro?
Vi dico solo una cosa, a leggere le mie parole si assapora solo un minuscolo di quello che è questa straordinaria serie tv, per apprezzarla in pieno bisogna guardarla, per me ci sono volute 6 puntate divise in tre giorni per perdere la testa totalmente, ma sicuramente a voi bastarà soltanto un giorno per amarla...
E il meglio deve ancora arrivare, dato che a breve comincio la seconda stagione.
Voto: 8 e se lo merita!!!

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.