Passa ai contenuti principali

Holy Smoke

Eh si, non poteva mancare anche Jane Campion che con Holy Smoke ingaggia due attori straordinari, l'allora emergente Kate Winslet e quella vecchia volpe di Harvey Keitel, e il risultato è esplosivo.
Complice una sceneggiatura e una regia che non lascia nulla a desiderare, la Campion dirige un film fresco, sincero che può essere visto come un opera piccola, ma che a conti fatti è molto più di quello che sembra.
Ruth Barron è una ragazza alla ricerca di se stessa e di una risposta spirituale, durante un viaggio in India rimane soggiogata da un guru indiano, tale Baba, e non fa ritorno a casa. I genitori preoccupati, si rivolgono a un Exit Counselor per riportare a casa la figlia, ed è la madre che va in India a riprendersela, ma con un pretesto, le devono far capire che suo padre è in punto di morte e che la vuole vedere un ultima volta, quando la ragazza arriva si trova davanti a Pj Waters, che la rinchiude con se in una casetta per deprogrammarla e farla tornare alla realtà, e non sarà affatto facile perchè nonostante le premesse Ruth si rivela molto forte invece che fragile, e anche lui è un osso duro, due persone forti che combattono verbalmente lei per difendere le sue idee, lui per rimetterla a posto, ma quando i due fanno l'amore le cose si complicano...
E' il film più carnale di Jane Campion, che come protagonisti mette due attori che sanno tenersi testa, la giovane Kate Winslet che dimostra di non temere il talento di Harvey Keitel, e quest'ultimo non fa da maestro alla sua giovane partner, fa esattamente il suo lavoro, senza pretendere di insegnare nulla, e forse per questo il film è uscito bene, Pj e Ruth sono entrambi molto forti, e la ragazza non è certo una che si lascia comandare a bacchetta, anzi, è lei che darà filo da torcere a Pj, molto prima che capirà che la strada che ha intrapreso non era quella giusta...e lui ci stava rimanendo eh?
Un ottimo film che anche se non è un capolavoro, riesce a spiegare quanto può essere tortuosa una strada che sembra quella giusta per le cose che fa vedere, ma in realtà è solo fumo negli occhi.




Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.